Caselle, giovane centauro muore sull’ex statale 31. La famiglia chiede che il caso venga riaperto

Caselle

/

22/12/2016

CONDIVIDI

La famiglia, che si è rivolta a un'agenzia privata di investigazioni, ha presentato un esposto perchè convinta che qualcuno abbia tagliato la strada al "centauro"

Ha tragicamente perso la vita a 38 anni Massimiliano Resta, ex dipendente dell’aeroporto di Caselle mentre si trovava in sella alla sua motocicletta Yamaha T-Max. L’incidente mortale si era verificato lo scorso 27 maggio mentre il giovane stava percorrendo la ex strada statale 11 nei pressi del centro abitato di Verolengo. Il decesso è stato immediato: nella caduta il “centauro” ha violentemente battuto la testa contro il cordolo di un’isola spartitraffico. Massimiliano Resta era diretto a Brandizzo, il comune dove si era trasferito poco tempo prima con la moglie Raffaella Rossotti e, giunto a pochi chilometri da casa, ha trovato la morte. Nella giornata di ieri, mercoledì 21 dicembre, la moglie e i genitori di Massimiliano hanno presentato un esposto in procura a Ivrea perché sono convinti che qualcuno, rimasto ignoto, abbia tagliato la strada al motociclista.

La giovane moglie e genitori non si sono affatto rassegnati di fronte alla tragedia. Da sette mesi convivono con il dolore e con la speranza che la giustizia possa appurare che il giovane non ha perso da solo il controllo della moto. L’esposto, basato sulle risultanze delle indagini compiute dallo “Studio 3A”, una società specializzata nella valutazione delle responsabilità civili e penali, a tutela dei diritti dei cittadini, alla quale la famiglia di Massimiliano Resta si è rivolta, ha lo scopo di accertare se si è trattato di una disgrazia o se qualcuno ha tagliato la strada al motociclista. Per i famigliari questa sembra essere l’ipotesi più plausibile.

La moglie Raffaella Rossotti è convinta che il marito non sia uscito di strada da solo. Le analisi effettuate dagli investigatori della società avrebbero evidenziato una dinamica diversa da quella ricostruita dopo l’incidente. Per questa ragione si chiede nell’esposto che vengano compiute nuove verifiche.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/01/2018

Volpiano: tornano in piazza del Municipio le arance della salute” per combattere il cancro

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento nelle piazze con i volontari dell’Airc, l’associazione che finanzia […]

leggi tutto...

17/01/2018

San Maurizio: automobilisti troppo veloci. Velox nelle strade per la sicurezza dei pedoni

Gli automobilisti in disciplinati (e non sono pochi) scambiano le strade per il circuito di Formula […]

leggi tutto...

17/01/2018

Il commosso addio di Rivarolo al dottor Giovanni Provenzano, ex assessore della giunta Gaetano

E’ scomparso nella giornata di oggi, mercoledì 17 gennaio, dopo una lunga lotta con la malattia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy