Canavese, il senatore leghista Cesare Pianasso: “Basta ingiustizie. La difesa è sempre legittima”

Canavese

/

27/10/2018

CONDIVIDI

La novità - spiega il parlamentare - è rappresentata dalla presunzione assoluta della proporzione tra offesa e difesa nei luoghi del domicilio e del posto di lavoro

Il senatore canavesano Cesare Pianasso eletto tra le fila Lega Nord non ha dubbi: l’approvazione che ha avuto luogo mercoledì 24 ottobre in Senato del decreto legge sulla legittima difesa mette fine, a suo parere, a una stortura della normativa tuttora in vigore che spesso avrebbe obbligato “onesti cittadini ad andare a giudizio (e subire assurde condanne)” per essersi difesi dall’aggressione di ladri e rapinatori.

“Alle ingiustizie diciamo basta: la difesa è sempre legittima . Proteggere la propria famiglia, la propria casa o il proprio negozio dai delinquenti non può mai essere reato. L’avevamo promesso in campagna elettorale e, come sempre, la Lega lo ha mantenuto – commenta il parlamerntare leghista -. Continuiamo con la Rivoluzione del buonsenso, forti del consenso della gente, in continuo aumento, e ignorando la campagna mediatica che tanti giornali e tv stanno portando avanti contro il Governo Conte sin dal suo insediamento”.

Il decreto legge approvato dalla maggioranza dei senatori ruota intorno a sei punti cardine: “Innanzitutto, la novità è rappresentata dalla presunzione assoluta della proporzione tra offesa e difesa nei luoghi del domicilio e del posto di lavoro: abbiamo sempre sostenuto che fosse una follia condannare un negoziante o un padre di famiglia per aver difeso il negozio o i suoi cari, con ogni mezzo a disposizione, dall’aggressione di un delinquente – conclude Cesare Pianasso spiega il senatore -. La norma prevede tra l’altro accertamenti più rapidi, spese legali a carico dello Stato in caso di assoluzione e pene più alte per ladri e rapinatori. Inoltre, abbiamo messo lo stop alle richieste di rimborso in favore dei malviventi. Questi, infine, una volta condannati a periodi detentivi, non potranno usufruire dei domiciliari se prima non avranno risarcito le vittime delle loro rapine”.

Dov'è successo?

Leggi anche

28/05/2020

Coronavirus, l’ora donata dai dipendenti Nova Coop va a sostegno della Croce Rossa piemontese

Nel mese di aprile i dipendenti di Nova Coop, la cooperativa di consumatori con 64 punti […]

leggi tutto...

28/05/2020

Coronavirus in Piemonte: anche oggi numeri incoraggianti. Un solo decesso e contagi in calo

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che giovedì 28 maggio, i pazienti virologicamente guariti, cioè […]

leggi tutto...

28/05/2020

E’ arrivata in Piemonte “Amnèsia”, la super marijuana che fa perdere la memoria. Ed è allarme

Il variegato mercato delle sostanze stupefacenti non cessa di “sfornare” nuove droghe, sempre più potenti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy