Canavese: la neve non cade e si teme una stagione sciistica disastrosa

Piamprato

/

18/12/2015

CONDIVIDI

A Piamprato, grazie ai cannoni sparaneve si scia, anche se limitatamente. A Ceresole domani apre la pista di fondo

Un inverno senza neve è la peggiore jattura che si possa augurare a chi lavora nei centri turistici montani. La siccità non riguarda soltanto la pioggia ma anche la neve. L’aumento della temperatura e la quasi continua presenza del sole (inusuale in questa stagione) hanno costretto I gestori degli impianti sciistici a ricorrere all’innevamento artificiale. Sarà grazie ai cannoni sparaneve se, in qualche modo, sarà possibile rimediare a una stagione drammatica dal punto di vista economico. A essere maggiormente penalizzate sono le piccole stazioni sciistiche della Valsoana e della Valle Orco. Nel fine settimana a Piamprato verrà aperta la pista baby provvista di tapis roulant. I turisti potranno anche usufruire del solarium e del servizio di noleggio delle attrezzature. Fermo, invece, lo ski-lift a causa dell’assenza del manto nevoso.

Nel periodo delle vacanze nataliazie sono attesi a Piamprato i proprietari selle seconde case e coloro che sono sono originari dellle valli ma che sono emifrati nella vicina Francia. Non basta essere competitive nel prezzo e nell’offerta: senza neve si profila uno scenario decisamente preoccupante. La speranza è che le condizioni metereologiche possano subire una sostanziale variazione e che la neve torni a imbiancare le piste in modo da poter mettere in funzione hli impianti e l’anello di fondo. Per eventuali informazioni sulle attività e i servizi offerti da Pianeta Neve Ski visitare il sito su Facebook o digitando www.pianeta.neve-it

L’apertura ufficiale della stagione dello sci di fondo a Ceresole Reale avrà luogo domani, sabato 19 dicembre alle ore 9,00. Sarà percorribile l’anello da un chilometro. Domenica 20 le piste riapriranno alla medesima ora mentre alle 14,30 è prevista l’apertura della pista di pattinaggio. Anche in questo caso si è rimediato con l’ausilio della neve artificiale, ma la speranza che la neve possa tornare a cadere non è ancora tramontata. Tutti gli altri impianti della zona rimarranno chiusi. Ristoratori e istruttori di sci non affatto ottimisti: se la carenza di neve perdurerà la stagione sarà definitivamente compromessa. Con buona pace degli operatori e dei turisti.

Leggi anche

Favria

/

15/10/2018

Anche le “Penne Nere” canavesane al primo Raggruppamento Alpini che si è svolto a Vercelli

Tra le migliaia di “penne nere” che hanno partecipato al Primo Raggruppamento Alpini del Piemonte, della […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/10/2018

Ingria, in campo la squadra di calcio a 5 “Bar da Costa”. E il 21 ottobre la gara di corsa montana

Dopo i successi conseguiti nella “Champions League dei Comuni Fioriti”, il Comune della Val Soana si […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

15/10/2018

“Canavesana”, continua l’odissea quotidiana dei viaggiatori. La Lega: “Situazione inaccettabile”

Il senatore della Lega Nord Cesare Pianasso interviene sul tema dei disservizi con i quali devono […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy