Canavese, a causa della crisi i giovani ritornano a vivere in famiglia

Canavese

/

27/07/2015

CONDIVIDI

Aumenta il numero dei quarantenni che sono costretti a rinunciare alla propria indipendenza perchè hanno perso il lavoro o a causa della precarietà

Il fenomeno è in continua espansione e non riguarda soltanto Torino o il Piemonte in generale. E’ la crisi che modifica, oltre le condizioni di vita delle persone, anche gli stili di vita. Naturalmente in peggio. I dati Istat parlano chiaro: il numero dei giovani o meno giovani che ritornano a vivere con i genitori, che almeno possono contare sull’erogazione mensile della pensione, è in costante e continuo aumento.

Anche il verde e ricco (un tempo) Canavese non è esentato. Chi ha un lavoro precario non ha la possibilità di costruirsi un futuro: affittare un piccolo appartamento costa, i matrimoni di rimandano anche che dopo anni di fidanzamento: arrivare a fine mese è diventata un’utopia. E’ un’umiliazione, una frustrazione continua, ma molto spesso si è costretti a ritornare a casa dei genitori e farsi mantenere.

Son passati i bei tempi in cui dopo aver conseguito la laurea o la specializzazione professionale, se avevi voglia di lavorare, un posto bene o male lo trovavi comunque. Adesso si trova lavoro (poco) grazie ai Centri per l’impiego, al famigerato e ancora tutto da verificare decreto legge sul Jobs Act ma sopratutto se puoi contare su qualche Santo in Paradiso o a conoscenze e amicizie.

Sta di fatto che i risparmi che le famiglie hanno faticosamente accumulato in tanti anni di sacrifici, ora servono per mantenere ancora i figli. Nella maggior parte si tratta di giovani “maturi” che sono sono costretti a rinunciare alla tanto agognata e sacrosanta indipendenza per farsi aiutare dalla famiglia. E’ il simbolo dell’Italia che cambia e non certo in meglio.

E il Canavese, un tempo territorio particolarmente industrioso ed economicamente benestante, deve fare i conti con un fenomeno che, giorno dopo giorno, finisce per impoverirlo ulteriormente, complice anche la costante perdita di posti lavoro, causata dal giornaliero stillicidio di aziende e società che chiudono i battenti a cusa di concordati preventivi, amministrazioni controllate e rilocalizzazioni nei Paesi esteri dove la pressione fiscale è decisamente più contenuta.

L’amarezza tra i giovani è palpabile: nessuna certezza per il futuro e la passibilità sfumata di potersi creare un vita propria, con tutte le conseguenze che ne conseguono.

Dov'è successo?

Leggi anche

06/06/2020

Previsioni meteo: in Piemonte è allerta gialla per il maltempo. Possibili temporali e grandinate

Continua l’instabilità climatica che caratterizza questo fine settimana grazie alla vasta depressione di origine scandinava ed […]

leggi tutto...

06/06/2020

Quincinetto: cani da caccia bloccati in montagna. Salvati dai coraggiosi tecnici del Soccorso Alpino

Hanno fatto ricorso a tutta la loro esperienza e professionalità per salvare tre cani da caccia […]

leggi tutto...

06/06/2020

Coronavirus in Piemonte: 38 nuovi contagi e un decesso nelle ultime 24 ore. Oltre 20mila i guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi, sabato 6 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy