“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

CONDIVIDI

Si rivedranno, tra l'altro, le prescrizioni che consentiranno di ripristinare quelle deroghe che permetteranno nuovamente di viaggiare a 70 chilometri orari a fronte del mantenimento responsabile, da parte di Gtt, del doppio macchinista

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il via ai lavori di messa in sicurezza attraverso l’Scmt (il sistema controllo marcia treno) della linea Canavesana e soprattutto di rivedere le prescrizioni e, quindi, di ritornare a quelle deroghe che permettano nuovamente di viaggiare a 70 chilometri orari a fronte del mantenimento responsabile, da parte di Gtt, del doppio macchinista. Ad annunciarlo è stato l’assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco.

Sembra così finalmente essersi sbloccata un impasse che durava da mesi, grazie alla sollecitazione dei consiglieri regionali Daniele Valle e Celestina Olivetti – che martedì 16 ottobre avevano presentato un question time in Consiglio regionale – oltre che della deputata Francesca Bonomo e dello stesso assessore Balocco. Negli ultimi tempi, infatti, i treni della Sfm1 erano costretti a viaggiare ad appena 50 chilometri orari, che hanno portato a notevoli ritardi e persino alla soppressione di corse con ingenti danni per le migliaia di pendolari che ogni giorno si spostano in treno utilizzando la Canavesana, inserita tra l’altro nella triste classifica delle dieci ferrovie peggiori d’Italia.

“Apprezziamo il lavoro portato avanti dall’assessore Balocco – evidenziano Valle e Olivetti – a cui chiediamo di monitorare, come ha fatto fino ad oggi, la situazione affinché si possa arrivare ad una soluzione del problema nel più breve tempo possibile. Le risorse ci sono: sia la Regione che il vecchio Governo hanno messo a disposizione cifre importanti per la Sfm1. Non sia ora la burocrazia a fermare i lavori, indispensabili per rimettere a nuovo una delle linee ferroviarie più importanti ed utilizzate di tutto il territorio”.

La deputata Francesca Bonomo aveva risposto subito all’appello lanciato la scorsa settimana dai pendolari, chiedendo fin da subito un incontro con i vertici di Gtt e di Rfi.
“L’apertura alla disponibilità da parte di Ansf, l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, è fondamentale – evidenzia la deputata canavesana – vista la necessità di dare il via quanto prima ai lavori di ammodernamento sulla linea, date le palesi difficoltà in cui versa da tempo Gtt. Auspichiamo quindi che la firma della convenzione arrivi quanto prima, in modo da poter immediatamente calendarizzare tutte le opere necessarie per mettere in sicurezza la Sfm1. Non c’è più tempo da perdere, i pendolari e l’intero territorio hanno già sopportato abbastanza. In ogni caso, per qualsiasi necessità, rimango ovviamente a disposizione”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

22/01/2019

Ivrea: i pusher vendevano droga agli studenti delle scuole. La polizia ha arrestato quattro persone

L’accusa è di spaccio di stupefacenti: nei guai sono finite quattro persone, di età compresa tra […]

leggi tutto...

Pont Canavese

/

22/01/2019

Pont Canavese, appaltati i lavori per eliminare la strettoia sulla “provinciale” 47 della Val Soana

Il consigliere della Città Metropolitana Mauro Fava (Lega) annuncia la prossima apertura di un secondo cantiere […]

leggi tutto...

Caselle

/

22/01/2019

Offriva un lavoro all’aeroporto di Caselle ma era una truffa. Arrestato imbianchino di Ciriè

Avevano risposto all’annuncio di lavoro che prometteva un lavoro all’aeroporto di Caselle, poi avevano dovuto spendere […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy