Caluso: cani maltrattati in un’azienda agricola. Quattro i sequestri. Denunciati i titolari

Caluso

/

07/03/2017

CONDIVIDI

I proprietari hanno insultato e minacciato le guardie che hanno dovuto richiedere l'intervento dei carabinieri per proseguire l'ispezione

La segnalazione, giunta alle guardie zoofile Oipa di Torino, riguardava un cane tenuto in cattive condizioni. La segnalazione è stata giudicata più che attendibile se le guardie zoofile hanno deciso di effettuare un sopralluogo in un’azienda agricola di Caluso. L’ispezione ha avuto luogo nel contesto di una tensione sfociata negli insulti da parte dei titolari. Le guardie zoofile sono entrate nella tenuta agricola con il consenso della moglie di uno dei titolari dell’azienda. Poi, all’improvviso, sono arrivati gli insulti e le minacce pronunciate in tono così aggressivo che le guardie zoofile hanno dovuto richiedere l’intervento dei carabinieri della stazione di Caluso per poter continuare ad effettuare l’ispezione.

Le guardie hanno potuto constatare che  tre dei quattro cani detenuti nell’azienda agricola, due maremmane e una meticcia erano legati alla catena senza un’adeguato riparo dalle intemperie, senza acqua e alimentati con cibo non ritenuto adeguato. Poi si è anche scoperto che il quarto cane, una lupoide, era tenuta in una sorta di piccola gabbia piena di escrementi. Una situazione allucinante. I titolari dell’azienda agricola si sono rifiutati di fornire le proprie generalità e hanno continuato ad insultare e minacciare le guardie.

Considerate le condizioni nelle quali venivano tenuti gli animali e in assenza della documentazione sanitaria relativa all’intestazione dei cani, le guardie zoofile hanno proceduto al sequestro cautelativo degli animali disposto dalla procura di Ivrea e hanno denunciato i presenti, non soltanto per le condizioni impossibili nei quali venivano tenuti i cani, ma anche per ingiurie e minacce a pubblico ufficiale.

Dov'è successo?

Leggi anche

01/06/2020

Rivarolo: al tempo del Covid-19, la danza diventa un coinvolgente video che inneggia alla resilienza

Rivarolo Canavese: al tempo del Covid-19, la danza diventa un coinvolgente video che inneggia alla resilienza. […]

leggi tutto...

01/06/2020

Ciriè: individuato dai carabinieri il 15enne che ha “palleggiato” con un riccio fino ad ucciderlo

E’ un 15enne residente in un piccolo comune dell’Alto Canavese che sabato scorso si è divertito […]

leggi tutto...

01/06/2020

Coronavirus in Piemonte: i pazienti in ospedale scendono sotto quota mille. Oggi un solo decesso

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi, lunedì 1° giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy