Agliè onora la memoria del cardinale Furno con una lapide collocata nella nuova area cimiteriale

Agliè

/

09/12/2016

CONDIVIDI

Nuovo look per il cimitero alladiese dopo gli importanti interventi effettuati. Il porporato che era strettamente legato alla comunità alladiese, viene ricordato a un anno dalla scomparsa

Avrà luogo domenica 11 dicembre ad Agliè l’inaugurazione dei lavori di riqualificazione dell’area centrale del cimitero del paese e la posa della lapide in memoria di S.E.R. cardinale Carlo Furno. Il programma prevede alle ore 11,00 sarà celebrata la Santa Messa presso la chiesa parrocchiale. Al termine si formerà il corteo che si dirigerà verso il cimitero comunale con l’accompagnamento eseguito il Corpo Musicale di Santa Cecilia di Agliè. Alle ore 12,15 avrà luogo l’inaugurazione dei lavori di riqualificazione e la posa della lapide in memoria del cardinale Furno. La popolazione, considerata l’importanza della manifestazione, è calorosamente invitata a partecipare.

La posa della lapide alla memoria dell’alto prelato ha luogo a un anno dalla morte del porporato nato a Bairo il 2 dicembre 1921 e cresciuto ad Agliè , paese al quale è sempre stato legato da un rapporto speciale. Figlio di Giuseppe Furno e da Maria Bardesono, il 25 giugno 1944 viene ordinato sacerdote e  svolge il suo ministero di vice parroco di Ozegna pe tre anni. La carriera di Carlo Furno è stata caratterizzata da importanti incarichi: Nunzio apostolico in Colombia e poi in Ecuador. Nel 1962 ha fatto parte per undici anni della prima sezione della Segretaria di Stato Vaticana.  Il 1º agosto 1973 papa Paolo VI lo ha nominato arcivescovo titolare di Abari e nunzio apostolico in Perù. Ha ricevuto l’ordinazione episcopale in Agliè il 16 settembre dello stesso anno. Il 25 novembre 1978 papa Giovanni Paolo II, lo ha trasferito come nunzio apostolico in Libano, in una terra duramente provata dalla guerra.

Il 21 agosto 1982 Carlo Furno è stato nominato nunzio apostolico in Brasile, dove è rimasto circa dieci anni. Il 15 aprile 1992, è stato richiamato a Roma come nunzio apostolico in Italia, incarico mantenuto fino al novembre del 1994. E’ stato papa Giovanni Paolo II a innalzarlo alla dignità cardinalizia nel concistoro del 26 novembre 1994, del titolo di Sant’Onofrio. Dal 16 dicembre 1995 al 27 giugno 2007 è stato gran maestro dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Dal 23 maggio 1996 al novembre 1998 è stato delegato pontificio per la Patriarcale Basilica di San Francesco in Assisi. Dal 29 settembre 1997 al 27 maggio 2004 è stato arciprete della Patriarcale Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore.

Il 9 dicembre 2015, all’età di 94 anni, è morto in un ospedale romano dove era ricoverato a seguito di una caduta.

Le esequie si sono tenute l’11 dicembre alle ore 16.15 all’altare della Cattedra della basilica di San Pietro. La liturgia funebre è stata celebrata dal cardinale Angelo Sodano, decano del Collegio cardinalizio. La salma è stata poi tumulata nella cappella di san Carlo della basilica di Santa Maria Maggiore.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte, in biblioteca il laboratorio creativo per trasformare in doni gli oggetti riciclati

E’ dedicato alle imminenti feste natalizie il laboratorio creativo dal titolo “Aspettando il Natale…” per bambini […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

24/11/2017

Liceo linguistico al “Moro” di Rivarolo: è finalmente arrivato l’assenso della Città Metropolitana

L’Istituto di Istruzione Superiore “Aldo Moro” di Rivarolo Canavese potrà contare dal prossimo anno scolastico, su […]

leggi tutto...

Caselle

/

24/11/2017

La procura ha incaricato il casellese Mauro Esposito di far luce sulla tragedia di piazza San Carlo

Sarà l’architetto casellese Mauro Esposito, l’imprenditore casellese  testimone di giustizia che ha svelato la presenza della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy