Aeroporto di Caselle: 30enne cinese nascondeva tra la biancheria 300 oggetti di lusso contraffatti

Caselle

/

20/07/2017

CONDIVIDI

La donna di origine cinese, ma residente a Torino è stata fermata dai finanzieri durante un normale controllo doganale ed è stata denunciata per contraffazione e ricettazione

Tra la biancheria intima aveva accuratamente nascosto 300 articoli di lusso abilmente contraffatti: per questa ragione una donna di 30 anni di origine cinese, ma residente a Torino, è stata fermata dai finanzieri di Caselle durante un normale controllo. L.X., titolare di un negozio di bigiotteria in pieno centro a Torino, già in passato è stata denunciata per contraffazione e ricettazione; di rientro da una vacanza in Cina, aveva sapientemente occultato, tra i suoi effetti personali, numerosi articoli recanti i marchi delle più prestigiose case di alta moda.

Gli articoli in questione erano dei più svariati, prevalentemente orologi ma anche borse orecchini, bracciali, spille e collanine riportanti note griffe del lusso quali Dior, Longines, Armani, Cartier, Calvin Klein e Chanel. Di originale c’era ben poco, ma gli articoli così come si presentavano potevano assolutamente trarre in inganno il consumatore nonostante, le rispettive case depositarie dei marchi, abbiano riferito che le caratteristiche costruttive, la tipologia dei materiali impiegati, il grado generale di confezione, rifinitura ed assemblaggio non fossero in linea con gli stardard qualitativi di produzione.

Gli oggetti di falso lusso avrebbero fruttato all’attività di L. X. circa 30.000 euro creando un danno all’economia legale e mettendo, forse, in pericolo la salute dei consumatori; infatti solitamente questi prodotti non sono conformi rispetto agli standard di sicurezza imposti dalla normativa nazionale e dell’Unione Europea, e quindi potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori. Non è possibile stabilire con precisione di quali materiali siano costituiti gli articoli contraffatti visto che, ovviamente, sono false anche le indicazioni sull’origine e la provenienza. L’operazione rientra nel quadro delle attività svolte dalla Guardia di Finanza quale organo di Polizia Economico Finanziaria a tutela della concorrenza e del mercato

Dov'è successo?

Leggi anche

16/01/2018

Leinì, donna entra al Pam e ruba cinque bottiglie di champagne. Invece di fare festa è finita in carcere

E’ entrata nel centro commerciale Pam di Leinì già con l’intenzione di rubare quelle cinque bottiglie […]

leggi tutto...

16/01/2018

Favria, rivoluzione in Comune. Parte l’informatizzazione degli uffici. Investiti 59mila euro

Il Comune di Favria ha avviato un progetto di informatizzazione degli uffici comunali che andrà avanti […]

leggi tutto...

16/01/2018

Ivrea, i teppisti riempiono di schiuma le auto in sosta. La Lega Nord: “In città troppi atti vandalici”

Troppi atti vandalici in città e la Lega Nord Canavese ritiene che sia ora di porre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy