A Cuorgnè nasce il modello di integrazione “intelligente”

Cuorgnè

/

27/06/2015

CONDIVIDI

Altri due ragazzi, dei dodici presenti in città, si sono resi disponibili ad effettuare gratuitamente lavori per la comunità

In questi difficili momenti in cui il massiccio arrivo degli immigrati suscita polemiche e preoccupazioni, Cuorgnè torna a proporsi come modello dell’integrazione intelligente. Dopo i giovani pakistani, altri due, dei dodici ragazzi che da qualche mese vivono a Cuorgnè, hanno dato la loro disponibilità al Comune, per svolgere gratuitamente dei lavori per la comunità. In questo caso si tratta Sekora Saioa del Burkina Faso, e di Martino Sey Ozigre Guy della Costa d’Avorio, fuggiti dai paesi d’origine perché vittime della guerra civile e di regimi totalitari.

I due ragazzi sono di religione cristiana ed anche per questo motivo potenziali vittime di discriminazione, com’è già accaduto nel recente passato.

“Abbiamo da subito impostato un rapporto chiaro con la cooperativa che segue questi ragazzi, e le cose stanno andando bene – commenta Lino Giacoma Rosa, instancabile consigliere e motore delle Politiche Sociale dell’Amministrazione comunale -, i ragazzi svolgono dei servizi gratuiti per la collettività e questo consente loro, rendendosi utili di integrarsi in modo intelligente”.

“Nella chiacchierata fatta con loro, con il mio francese zoppicante – afferma scherzosamente il sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto – mi ha colpito molto la loro umiltà e il fatto che siano cristiani, ci consentirà di gestire al meglio l’organizzazione del lavoro con gli altri ragazzi pakistani che viceversa celebrano il Ramadan”.

I ragazzi hanno dimostrato di nutrire, tra l’altro, una grande passione per il calcio. In questo caso l’amministrazione chiederà la collaborazione con la società sportiva Vallorco in modo che possano praticare il football. “Anche in questo caso lo Sport si dimostra un veicolo importante di integrazione sociale” conclude il primo cittadino.

Dov'è successo?

Leggi anche

20/10/2019

Leinì: la 23enne Denise è morta in un tragico incidente stradale. Il ricordo disperato del padre e degli amici

Denise Puglia, 23 anni, residente ad Alice Superiore in Val di Chy e Angelo Raffaele Torchia, […]

leggi tutto...

20/10/2019

Vische-Mazzè: banda di ladri fa saltare in aria due bancomat. I carabinieri sulle tracce dei malviventi

Intorno alle 1,30 circa della notte di domenica 20 ottobre,  a Vische e nella vicina Tonengo […]

leggi tutto...

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy