A Belmonte il dono di Natale più bello: con arrivo dei tre sacerdoti il Santuario torna a vivere

Belmonte

/

24/12/2018

CONDIVIDI

Oltre 500 persone hanno assistito alla celebrazione della Santa Messa che ha salutato l'insediamento di don Zeno, don Tarcisio e don Antonio, i religiosi provenienti dal Veneto

Don Zeno, don Tarcisio e don Antonio: sono i tre sacerdoti che da oggi, lunedì 24 dicenbre si occuperanno della gestione del Santuario di Belmonte. Ad accogliere l’arrivo dei tre religiosi  provenienti dal Veneto, sono stati oltre 500 fedeli, il sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto, il sindaco di Prascorsano Piero Rolando Perino, con numerosi altri colleghi provenienti da tutto il Canavese, la deputata canavesana Francesca Bonomo, il Gruppo Alpini di Cuorgnè, il sacerdote don Luigi Ciotti, fondatore della Comunità “Abele” e i parroci attivi sul territorio. L’insediamento dei sacerdoti è stato sancito dalla Santa Messa celebrata da don Claudio Baima Rughet, vicario episcopale dell’Arciodiocesi di Torino.

L’arrivo di don Tarcisio, don Zeno e don Antonio segue la partenza dei frati francescani che ha avuto luogo poco più di un mese fa e che hanno gestito per decenni la struttura e garantirà la quotidiana apertura di questo simbolo della fede per i canavesani e non solo. Il sito religioso, che l’Unesco ha dichiarato nel 2003 patrimonio dell’Umanità, torna ad aprire le sue porte ai fedeli nella vigilia della Festa che celebra la nascita di Gesù Cristo.

“Un atteso quanto inaspettato dono di Natale per la comunità Canavesana, l’arrivo di tre sacerdoti per consentire la riapertura del Santuario di Belmonte ha commentato in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook il primo cittadino di Cuorgnè -. Non stavamo tutti nella Chiesa, tanta gente, molti sindaci. Un bel momento e quindi ci sarà anche la Santa Messa di mezzanotte. Benvenuti don Tarcisio, Zeno e Antonio”.

Il primo miracolo è già stato compiuto e in un momento in cui sembrava che il Santuario fosse destinato a precipitare nel dimenticatoio. Chissà che presto non se ne concretizzarsi un altro: quello dell’acquisto da parte della Regione Piemonte del Sacro Monte di Belmonte dall’attuale proprietà privata.

Leggi anche

18/09/2019

Volpiano: sì alla messa in sicurezza della “provinciale” per Leinì, teatro di incidenti mortali

La questione della pericolosità di un tratto della Strada Provinciale 500 a Volpiano, all’incrocio con via […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ceresole Reale: escursione guidata in E-bike alla scoperta dei tesori del Parco del Gran Paradiso

L’obiettivo è quello di promuovere il territorio e il turismo locale: in questo contesto il bar […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ivrea, la Manital finisce in tribunale. Sul futuro dell’azienda deciderà il giudice fallimentare

Amministrazione controllata per la Manital di Ivrea? A decidere sull’ammissibilità per insolvenza saranno i giudici del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy