Canavese: due bimbi bevono acido per errore. Salvati da un’innovativa tecnica chirurgica

28/03/2018

CONDIVIDI

I chirurghi hanno asportato l'esofago bruciato e lo hanno sostituito con una parte, rimodellata, dello stomaco. Una tecnica rivoluzionaria eseguita nel reparto della Città della Salute, diretto dal professor Mauro Salizzoni

Hanno perso il conto degli interventi subiti ma adesso dopo diversi mesi due fratellini di 5 e 4 anni residenti in un comune del Canavese possono tornare a sorridere grazie all’intraprendenza e alla innegabile professionalità dei chirurghi della Città di Salute di Torino che hanno sostituito con lo stomaco l’esofago bruciato dalla soda caustica ingerita per errore. Una soluzione innovativa che ha messo in luce l’innegabile eccellenza della medicina piemontese. La vicenda risale alla scorsa estate: in una calda giornata la bambina di 4 e il fratellino di 5 anni, bevono da una bottiglia l’acido per uso idraulico travasato per errore in una bottiglia che conteneva bevande.

L’effetto è stato devastante: l’acido ha letteralmente bruciato l’esofago dei due sfortunati bambini. Dal pronto soccorso dell’ospedale di Ivrea i due piccoli pazienti sono stati trasferiti all’ospedale infantile “Regina Margherita” di Torino: qui i medici sottopongono d’urgenza i due fratellini a un’esofago-gastroscopia. Nel corso del lungo cammino sanitario, la bimba è stata nutrita con una sonda posizionata nell’intestino mentre il fratellino è stato nutrito per via artificiale in vena.

E’ tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 che l’èquipe del professor Renato Romagnoli della Divisione di Chirurgia Generale 2 universitaria della Città della Salute diretta dal professor Mauro Salizzoni, il mago dei trapianti di fegato, trova la soluzione ottimale asportando ai piccoli pazienti l’esofago bruciato e rialzando la bocca dello stomaco rimodellandola come un esofago ex novo. L’ultimo e definitivo intervento conferma che l’intuizione è giusta.

L’ultimo controllo eseguito nella giornata di martedì 27 marzo ha evidenziato che la tecnica immovativa consentirà ai bambini di poter condurre una vita normale e che lo stomaco-esofago assolve perfettamente la sua funzione.

Il decorso post operatorio non ha presentato complicazioni e i due piccoli canavesani possono considerarsi definitivamente guariti.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

21/09/2018

Caselle, il raccordo non è considerato autostrada. Lo Stato non paga l’indennità agli agenti di polizia

Un’altra brutta storia all’italiana, l’ennesima: il raccordo R10 Torino-Caselle non è considerato un’autostrada e quindi gli […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

21/09/2018

Canavese: anche nei cinema di Cuorgnè, Ivrea e Chivasso il festival del cinema “Movie Tellers”

Parte “Movie Tellers-Narrazioni cinematografiche”, il festival itinerante del cinema promosso dall’omonima associazione che toccherà 26 cittadine […]

leggi tutto...

Torino

/

21/09/2018

Buoni pasto: la Regione Piemonte al tavolo convocato a Roma sul fallimento di “Qui! Group”

L’assessorato al Lavoro della Regione Piemonte ha partecipato ieri al tavolo convocato al ministero dello sviluppo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy