15/04/2021

Cronaca

Strage di Rivarolo: emergono nuovi dettagli. Il pensionato aveva ucciso figlio e moglie al mattino

CONDIVIDI

L’esame autoptico effettuato dal medico legale Roberto Testi e disposto dalla procura di Ivrea sulle salme delle quattro vittime uccise sabato scorso al quinto piano in uno stabile di corso Italia 46 a Rivarolo Canavese ha evidenziato la catena temporale che ha caratterizzato la strage compiuta dal pensionato ottantatreenne Renzo Tarabella. Stando agli esiti scaturiti dall’autopsia l’uomo avrebbe ucciso il figlio Wilson, disabile psichico già nel pomeriggio di sabato con un solo colpo esploso a bruciapelo alla testa, poi ha esploso a distanza ravvicinata il secondo proiettile della pistola semiautomatica all’indirizzo della moglie, Maria Grazia Valovatto di 79 anni, sempre alla testa.

Osvaldo Dighera, 74 anni che con la moglie era proprietario dell’appartamento nel quale viveva la famiglia Tarabella, sarebbe stato ucciso con due colpi: uno alla schiena e l’altro alla testa. E, infine, avrebbe ucciso la moglie di Osvaldo Dighera Liliana Heidempergher, 70 anni, con un proiettile in testa. Cinque colpi. Quattro morti. Un bilancio agghiacciante.

Pare che Renzo Tarabella avesse già ucciso i congiunti nella mattinata mentre si trovavano ancora a letto. Osvaldo Dighera sarebbe stato freddato all’ora di cena. Poco più tardi sarebbe toccato alla moglie. Che cosa abbia fatto in quelle ore trascorse tra l’omicidio del figlio e della moglie e quella dei coniugi Dighera non si sa ancora. Così come non si sa ancora perché l’uomo sia rimasto chiuso in casa con i quattro cadaveri fino a quando, alle tre del mattino seguente, i carabinieri hanno fatto irruzione in quel maledetto appartamento insanguinato e ancora pieno di rancore. Il sesto proiettile Renzo Tarabella l’ha riservato per spararsi sotto al mento. La pallottola ha perforato il palato ed è uscita dallo zigomo senza ledere il cervello.

Un caso incredibilmente fortuito. Il pensionato si trova in terapia intensiva al San Giovanni Bosco di Torino, ma il miglioramento delle condizioni generali del paziente potrebbe far decidere i medici a trasferirlo in un reparto ordinario. E qui i magistrati attendono di poterlo interrogare.

 

06/12/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 776 nuovi contagi e cinque decessi. I letti occupati sono 500. 483 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,45 di oggi, lunedì 6 dicembre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cultura

Busano: in due libri le vicende delle famiglie Marchetto, protagoniste della storia del paese

Ha avuto luogo domenica 5 dicembre alle ore 16,30 presso il Salone Polivalente di Busano, la […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cronaca

Nasce lo Sportello Energia Piemonte. Sosterrà i cittadini negli interventi energetici nelle abitazioni

È nato lo Sportello Energia che, aiutando a rispondere alle domande ed ai dubbi di chi […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cronaca

Volpiano, consegnati dal sindaco Panichelli gli attestati del “Piemonte gentile e cortese”

Sabato 4 dicembre il sindaco di Volpiano Giovanni Panichelli ha consegnato gli attestati per la Giornata […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cronaca

Da oggi entra in vigore il super green pass: ecco come, dove e quando usare il certificato verde

Da oggi, lunedì 6 dicembre entra in vigore il super green pass. Ma cosa cambia in […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cronaca

Ivrea, i sindaci dell’Alto Canavese: “Il nuovo ospedale va costruito vicino all’autostrada”

Numerosi sindaci del Canavese occidentale e della Val Chiusella, ricevuta notizia che nella prossima Conferenza dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy