14/05/2021

Cronaca

Rivarolo: il dolore di Elena costretta a incontrare al di là di una vetrata il padre ospite di una Rsa

CONDIVIDI

Una “parete degli abbracci”: è quella che manca all’Anffas di corso Indipendenza a Rivarolo. Ad oggi i parenti possono vedere i loro cari soltanto al di là di una vetrata, senza la possibilità di potersi abbracciare in tutta sicurezza come accade, ad esempio, nella casa di riposo di Favria. Il Covid non ha soltanto cancellato vite e cambiato stile e modo di vivere, ma ha anche spezzato legami affettivi creando non poca sofferenza a chi è sopravvissuto a questa terza ondata della pandemia di Coronavirus. E a far emergere questa cruda realtà è stato un post che Elena Giacomin ha pubblicato sui social e che racconta quali insormontabili difficoltà debba superare per vedere il padre, affetto da demenza senile, all’Anffas di Rivarolo.

“Questa pandemia mondiale ha toccato in particolar modo loro, gli anziani e lascia ben poco all’immaginazione, al dolore che provano nel non vedere e toccare i propri familiari – scrive Elena Giacomin nel post -. Ormai é da gennaio che non mi reco più in struttura a trovare mio papà… il perché? Perché mio papà, in quanto affetto da demenza senile con decadimento cognitivo grave, non capisce il motivo per il quale non entro da quella porta. Non capisce perché non può abbracciarmi o anche solo toccarmi una mano. Non capisce…non capisce, piange e si dispera. Si attacca al maniglione antipatico e urla ‘vieni qui, entra’.

Da gennaio ho preso la decisione di evitarci questa sofferenza, sperando che con l’arrivo dei vaccini, avrei potuto finalmente riabbracciarlo… Ma non é stato così. Mio papà è stato vaccinato, ma purtroppo, non tutti hanno dato l’autorizzazione a vaccinare i propri cari. Del mio papà sto perdendo momenti minuscoli di lucidità che non torneranno mai più. Forse… dico forse, perché probabilmente è rimasto poco o niente del mio papà. Sto perdendo qualcosa che solo chi é nella mia stessa situazione può capire”.

Una vicenda drammatica che strazia il cuore. Una vicenda del quale si è fatto carico anche Roberto Bonome, consigliere comunale di Rivarolo Canavese che ha lanciato la proposta di raccolta fondi che sta raccogliendo molte adesioni per realizzare anche alla “Comunità La Torre” una stanza degli abbracci: “Il distanziamento sociale non salva vite in assoluto, a volte le spezza – commenta Roberta Bonome -. Il grido di aiuto di Elena Giacomin ne è un chiaro esempio: il bisogno di abbracciare il suo papà che vive una condizione di fragilità. E come lui tante altre persone che con un abbraccio potrebbero sentirsi rivivere. L’idea della parete degli abbracci, come quella inaugurata pochi giorni fa a Favria, è quanto di meglio oggi si possa avere per alleviare questo distacco in attesa che i comitati tecnici preposti decidano cosa si possa fare”.

04/10/2022 

Sanità

Il Covid si evolve: arriva in Piemonte la sottovariante “Centaurus”, cinque volte più contagiosa

È stata scoperta nelle acque piemontesi ed è cinque volte più contagiosa rispetto alle altre varianti […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Piemonte: oltre tre milioni per la copertura delle borse di studio e per la scuola pubblica e paritaria

Con la variazione di bilancio aumenteranno le coperture per le borse di studio universitarie e gli […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Mobilità sostenibile: il Comune di Chivasso è al primo posto nella graduatoria nazionale

La Città di Chivasso fa parte dell’accordo di programma del progetto PASCAL (Percorsi Partecipati Scuola-Casa-Lavoro), siglato […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Sport

Massimo Testa, presidente Ascom di Rivarolo Canavese, partecipa con successo all’Iron Man di Cervia

Ha scritto sul suo profilo di aver realizzato il sogno della vita, in realtà sicuramente ha […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Previsioni meteo: tempo asciutto nella mattinata ma attenzione ai banchi di nebbia improvvisi

Queste le previsioni del tempo per mercoledì 5 ottobre, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD   Tempo […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

“Le regole per crescere liberi”, istituzioni e studenti delle scuole di Volpiano a Capaci e Caccamo

Giovedì 29 settembre, nell’ambito del progetto “Le regole per crescere liberi” che promuove il tema della […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy