10/02/2022

Sanità

“Più infermieri e formazione per gli Oss delle Rsa”. La carenza di personale fa discutere il Consiglio Regionale

CONDIVIDI

“Siamo soddisfatti che l’Assessorato alla Sanità abbia recepito le nostre osservazioni e non abbia delegato agli Operatori sociosanitari (Oss) la somministrazione di farmaci nelle Rsa. Rimangono però diversi problemi aperti, a cominciare dalla mancanza di infermieri in tali strutture”. Lo ha dichiarato Elena Palumbo di Cgil Fpl in Commissione Sanità, presidente Alessandro Stecco, nel corso dell’audizione delle organizzazioni sindacali in merito alla delibera di Giunta sulla gestione clinica del farmaco nelle strutture residenziali e semiresidenziali sanitarie e sociosanitarie del gennaio scorso.

“Riteniamo – ha concluso Palumbo – che l’assessore regionale alla Sanità e la Regione Piemonte dovrebbero farsi portavoce, a livello nazionale, su come aumentare il numero di infermieri e che la Regione dovrebbe attivare con urgenza corsi di formazione per Oss”.

“La questione relativa alla somministrazione dei farmaci da parte degli Oss – ha aggiunto Tiziana Tripodi di Cisl Fpl – è antecedente alla pandemia e alla carenza di infermieri, ma la norma regionale in materia è chiara: l’operatore può aiutare l’ospite nell’assunzione della terapia, non nella somministrazione”.

Nicolino Conconi di Uil Fpl ha chiesto che “la Regione si faccia portavoce, in sede di Conferenza Stato Regioni, per una modifica delle tariffe aumentando la parte a carico dello Stato e diminuendo i costi per le famiglie”.

Rispondendo a Monica Canalis, intervenuta per il Pd con Domenico RossiTripodi ha sottolineato che “la chiamata pubblica di infermieri durante la pandemia ha fatto sì che i pochi che lavoravano nelle Rsa vi abbiano aderito. Al momento, nelle Rsa lavorano soprattutto infermieri stranieri, con titoli riconosciuti in deroga dalle Prefetture, e Os che erogano assistenza senza titoli e che, senza formazione, rischiano di uscire dal sistema una volta finita l’emergenza”.

Nel replicare a Marco Grimaldi (Luv), Tripodi ha ribadito che “è opportuno cominciare a prevedere quale sarà il personale necessario, nel complesso, per rendere realmente fruibili le Case e gli infermieri di comunità”.

Stecco (Lega), che ha osservato come le ex Ipab abbiano difficoltà a trovare personale, ha poi espresso la necessità di “rendere uniformi le retribuzioni a parità di mansione, aumentare i controlli ed esigere che le strutture accreditate applichino i contratti firmati dalle organizzazioni sindacali”.

26/11/2022 

Cronaca

Caldo anomalo, pochi i tartufi a settembre. Si pensa di spostare più avanti la raccolta

“La raccolta dei tartufi andrebbe spostata più avanti nella stagione, viste le conseguenze del cambiamento climatico […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Venaria piange la scomparsa della “Miss” che amava i gatti. Il sindaco Giulivi: “Mancherà a tutti noi”

In tanti, tantissimi a Venaria Reale, hanno tributato l’estremo saluto a Lella Maldera, 92 anni, deceduta […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Ivrea: i vandali danneggiano durante la notte la biglietteria del Gtt. Indagini in corso

Raid notturno dei vandali a Ivrea. Questa volta oggetto della devastazione è stato l’ufficio biglietteria Gtt […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Cascina a fuoco in frazione Sant’Antonio di Castellamonte. Distrutte 350 rotoballe di fieno

Ore di palpabile paura in frazione Sant’Antonio di Castellamonte, per un vasto incendio divampato, intorno alle […]

leggi tutto...

25/11/2022 

Cronaca

Il consigliere regionale della Lega Cane: “E’ con la legge che bisogna combattere i femminicidi”

Oggi, venerdì 25 novembre, ricorre la celebrazione della “Giornata contro la violenza sulle donne” e quindi […]

leggi tutto...

25/11/2022 

Economia

Piemonte e Canavese: Pnrr e caro materiali, arrivano 29 milioni in più per i piani urbani dei Comuni

Sono in arrivo 29 milioni di euro in più destinati a coprire i problemi causati dal […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy