19/12/2021

Cronaca

‘Ndrangheta in Piemonte – Operazione della Guardia di Finanza: sequestrati 2,5 milioni di euro, due arresti

CONDIVIDI

Operazione Cavallo di Troia in Piemonte: la Guardia di finanza di Torino ha eseguito nelle provincie di Torino, Asti e Reggio Calabria, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due persone e il provvedimento di sequestro preventivo, per 2,5 milioni di euro,  a carico di otto persone ritenute responsabili di reati fiscali, fallimentari (aggravati da agevolazione mafiosa). Su due di loro epsa anche anche il reato di concorso nell’associazione mafiosa “ndrangheta”.

L’indagine, secondo quanto riporta Sky Tg24  “ha consentito di individuare tre società operanti nel settore edilizio, ritenute al servizio di esponenti della ‘ndrina Bonavota, radicata nel territorio di Carmagnola (Torino) e collegata all’omonima cosca calabrese. Più in dettaglio, lo sviluppo di risultanze investigative emerse nell’ambito dall’operazione “Carminius”, condotta nel 2019, ha permesso di disvelare collegamenti tra coloro che gestivano, in concreto, le citate imprese ed i membri del sodalizio ‘ndranghetista. Gli indagati risulterebbero aver gestito le imprese, anche tramite l’utilizzo di prestanome, forti dell’appoggio fornito loro dalla cosca in grado di garantire importanti commesse per la realizzazione di opere nonché la “protezione” in caso di difficoltà.Gli indagati, grazie a una sorta di doping fiscale, non facevano comparire i loro debiti tributari e previdenziali per risultare avvantaggiati rispetto alle aziende concorrenti”.

Con questa modalità veniva sottratto patrimonio alle aziende, che restavano senza risorse per pagare stipendi e contributi, mentre i profitti finivano alla criminalità organizzata.

“Tra i destinatari dei sequestri patrimoniali – spiega SkyTg24 – ” figurano anche due professionisti, uno dei quali in carcere, che avrebbe agito come referente tecnico per l’attuazione dei meccanismi di frode. Come ad esempio falsificando le dichiarazioni fiscali relative agli anni dal 2014 al 2017. Sarebbe stato realizzato un sistema di evasione fiscale, fino al 2019, mediante l’impiego di crediti IVA inesistenti utilizzati per compensare, indebitamente, gli oneri previdenziali derivanti dall’utilizzo di lavoratori dipendenti, per un valore complessivo di circa 2,5 milioni di euro”.

 

07/10/2022 

Politica

Canavese: l’ex deputata Pd Francesca Bonomo lascia Montecitorio: “Ho cercato di essere me stessa”

Dopo due mandati consecutivi, l’ex deputata canavesana del Partito Democratico Francesca Bonomo, originaria di Barbania, ha […]

leggi tutto...

07/10/2022 

Sanità

L’Asl T04 lascia a casa 70 Oss? Il sindacato Nursind: “La Direzione generale è per la stabilizzazione”

A seguito di un comunicato stampa apparso su diverse testate giornalistiche, con il quale veniva segnalato […]

leggi tutto...

07/10/2022 

Sanità

Le iniziative dell’Asl T04 per “Ottobre Rosa”, mese della prevenzione del tumore al seno

 Anche quest’anno, in occasione di Ottobre Rosa, Mese internazionale della prevenzione del tumore al seno, sono […]

leggi tutto...

07/10/2022 

Cronaca

Chivasso: 240 mila euro del Pnrr per l’aggiornamento in sicurezza dei servizi comunali in Cloud

Il Dipartimento per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri ha finanziato per 241 […]

leggi tutto...

07/10/2022 

Economia

Canavese: il caro energia minaccia la produzione, ma il Polo dello stampaggio “tiene botta”

È uno dei pochissimi comparti produttivi in Italia che, seppure tra mille difficoltà, resiste ai rincari […]

leggi tutto...

07/10/2022 

Cronaca

Ambrosini, ex commissario Asa, ottiene i servizi sociali ed evita il processo per bancarotta fraudolenta

Ha chiesto di dedicare parte del suo tempo al “supporto giuridico-amministrativo agli uffici e alle strutture […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy