16/11/2020

Sanità

Covid, il Gruppo d’indagine Pd incontra i sindacati degli infermieri: “Situazione disastrosa”

CONDIVIDI

Il gruppo di lavoro di indagine sull’epidemia Covid 19 ha incontrato nella mattinata di oggi, lunedì 16 novembre, le rappresentanze sindacali degli infermieri. Nel corso degli incontri le organizzazioni hanno innanzitutto lamentato una carenza di confronto e coinvolgimento che persiste anche in questa fase della pandemia: un tema tristemente ricorrente, sottolineano Raffaele Gallo, presidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale, Domenico Rossi, vicepresidente della Commissione Sanità e Daniele Valle, coordinatore del Gruppo d’indagine sul Covid 19, nelle interlocuzioni con le rappresentanze sindacali.

Per i membri del Gruppo di Indagine emerge in maniera significativa una disponibilità, oltre 500 unità, di personale Oss e infermieristico in graduatoria per posti a tempo indeterminato (almeno nelle Asl di AT, CN, NO, AL), a cui però non si attinge preferendo soluzioni precarie consentite dalle normative eccezionali ora vigenti, a cui aggiungere quelle che sono trasformazioni di contratti interinali. Addirittura, in alcune aziende, le assunzioni a tempo indeterminato sarebbero inferiori rispetto a quelle degli anni precedenti. Un tema significativo, specie alla luce della competizione tra sistemi regionali e i sistemi pubblico e privato, per accaparrarsi personale: siamo dell’idea che occorra spingere sulle assunzioni con maggior decisione.

“Le Organizzazioni sindacali si sono, infine, a lungo soffermate sulle difficoltà di accesso al tampone nel corso della prima ondata e sulla difformità, ancora presente, nell’applicazione dei protocolli di screening per gli operatori nella seconda ondata: alcune Asl e Aso non hanno ancora effettuato neanche il primo controllo previsto dal 3 settembre – spiegano Raffaele Gallo, Domenico Rossi e Daniele Valle -.  Drammatica, inoltre, è la gestione della differenziazione dei percorsi, che, anche in questa seconda fase, non riescono separare quelli puliti da quelli sporchi.

Mancano le aree grigie negli ospedali e sul territorio gli infermieri passano da servizi in contesti Covid, come le Rsa dove vengono inviati, a servizi in contesti puliti, magari sul territorio. Occorre garantire al personale un accesso periodico e diretto ai servizi di diagnosi del C Covid19, per garantire la sicurezza dei lavoratori e l’operatività del sistema ospedaliero e l’Unità di crisi deve farsi carico di verificare la puntuale applicazione delle sue disposizioni da parte delle aziende”.

13/06/2021 

Eventi

Ceresole Reale: celebrata la festa dedicata a San Nicolao, patrono della “Perla delle Alpi”

Si è svolta oggi, domenica 13 giugno a Ceresole Reale la festa patronale dedicata a San […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Cronaca

Hub vaccinali nelle imprese, la Confindustria: “In Canavese non sono necessari grazie all’Asl”

A marzo di quest’anno le aziende del Canavese hanno risposto con grande spirito di solidarietà e […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi un decesso e soltanto 59 contagi. I numeri sono sempre più incoraggianti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 15,30 di oggi, domenica 13 giugno, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Economia

Turismo: il Piemonte rilancia con 1,5 milioni di euro la formula “Paghi una notte ne dormi tre”

La Regione Piemonte ha deciso di rifinanziare il Voucher vacanze con 1,5 milioni di euro, che […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Cronaca

Escursionisti dispersi o infortunati: sabato di gran lavoro per il Soccorso Alpino canavesano

Tre diversi interventi nell’arco di poche ore: è stato un sabato intenso quello dell’12 giugno, per […]

leggi tutto...

12/06/2021 

Cronaca

Arriva l’anticiclone africano e scoppia l’estate. Domenica 13 temperature fino a 36 gradi

Sarà un fine settimana all’insegna dell’estate rovente: l’arrivo, già ampiamente preannunciato dell’anticiclone proveniente dall’Africa ha causato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy