28/11/2016

Cronaca

Canavesana: voci sulla possibile chiusura del tratto Rivarolo-Pont. E i sindaci insorgono

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

E’ l’elettrificazione della linea ferroviaria l’annoso nodo da sciogliere: nonostante le numerose richieste avanzate dal Comitato dei pendolari e dalle amministrazioni comunali, le littorine della “Canavesana” continuano a viaggiare con motori a diesel. Per ammodernare la tratta ferroviaria, gestita dalla società torinese Gtt, servirebbero almeno otto milioni di euro: denaro che la Regione Piemonte aveva annunciato di voler stanziare ma che alla fine non si sono mai visti. Il rimore espresso dal sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto è quello che l’applicazione delle nuove e costese norme di siccurezza possano costituire la giustificazione per chiudere il servizio ferroviario. Una vera jattura che penalizzerebbe il sistema, già non efficiente, del trasporto locale.

Il primo cittadino cuorgnatese non ha dubbi: è necessario che i sindaci si battano per mantenere quello che c’è e per ottenere miglioramenti. Come si può pensare a uno sviluppo del territorio, quando il sistema dei trasporti è inadeguato o rischia addirittura di essere soprresso. Una valutazione che appoggia anche che il sindaco di Locana Bruo Mattiet che ha posto l’accento sul fatto che la “Canavesana” sia da potenziare e che l’elettrificazione del tratto Rivarolo-Pont sia da elettrificare. Una cosa è certa: il mantenimento e il miglioramento della “Canavesana” sono due punti fermi fa difendere a ogni costo. A maggior ragione adesso che la direzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso sarà trasferita da Torino in Canavese.

Al momento si tratta di voci ma gli amministratori locali si mobilitano fin da adesso anche perché la dismissione dell’importante arteria ferroviaria che collega i vari comuni del basso, medio e alto Canavese, costituirebbe un ulteriore colpo basso all’economia del territorio. Un recente studio condotto dalla Cgil e dall’Ires condotto su un campione di studenti e pendolari conferma che gli utenti hanno severamente bocciato i servizi offerti dal Gtt: i frequenti guasti e ancora i più frequenti ritardi e gli atti vandalici che spesso provocano il blocco del traffico ferroviario, sono diventati un incubo. Una situazione che potrebbe accellerare, se davvero esiste la volontà di sopprimere il servizio, un taglio che si rivelerebbe nefasto. E su questo fronte, una volta tanto, tutti i sindaci canavesani sono d’accordo.

Dov'è successo?

18/10/2021 

Sanità

Asl T04, al via all’ospedale di Ivrea il progetto pilota dell’Ambulatorio “Percorso Menopausa”

Oggi lunedì 18 ottobre, in occasione della Giornata Mondiale della Menopausa, prende avvio, nell’ambito del Dipartimento […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Cronaca

Mauro Fava lascia il Consiglio Metropolitano: “In 5 anni abbiamo fatto più che nei 20 precedenti”

Le elezioni di Cuorgnè hanno portato al rinnovamento del Consiglio comunale, del quale non farà più […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Cronaca

Colleretto Giacosa: lavoratori senza Green pass e carenze igienico sanitarie. Chiuso ristorante per 5 giorni

Nella serata di sabato 16 ottobre, i carabinieri della Compagnia di Ivrea unitamente al Nas di […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: curva in calo. Oggi 102 nuovi contagi. Quattro i decessi. 134 i pazienti guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, lunedì 18 ottobre l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

17/10/2021 

Cronaca

Ceresole-Groscavallo: i due Comuni rinnovano sul Colle della Crocetta il patto di fratellanza

Anche quest’anno, nella giornata di oggi – domenica 17 ottobre – si è tenuto l’ormai tradizionale […]

leggi tutto...

16/10/2021 

Cronaca

Pont: pensionata di 78 anni va in cerca di funghi e si perde nel bosco. Ritrovata dai soccorritori

Era uscita di casa in cerca di castagne quando a un certo punto ha smarrito l’orientamento […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy