10/02/2016

Cronaca

Asa, Waterloo dei comuni. Il tribunale ha deciso: dovranno pagare 37 milioni di euro

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

Una Waterloo. Un disastro finanziario annunciato ma non di queste proporzioni. I giudici del collegio arbitrale del Tribunale di Ivrea hanno finalmente deciso: gli enti locali soci dell’ex consorzio Asa sono stati condannati a  versare nelle esauste casse dell’azienda che gestiva per conto di 51 comuni la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, 37 milioni di euro. Non si tratta di una batosta. E’ peggio. Una sentenza sfavorevole per i comuni e per la Comunità Montana che rischia di mettere in ginocchio l’economia pubblica di un intero territorio ma che va oltre le più rosee speranze nutrite dal commissario straordinario Stefano Ambrosini che aveva chiesto agli ex soci 28 milioni di euro di ricapitalizzazione. Adesso Stefano Ambrosini può considerarsi soddisfatto e lo dichiara in un lapidario commento.

Quello di Rivarolo Canavese è il comune maggiormente esposto: la quota del 29,9% per cento detenuta lo costringerà a pagare quasi 8 milioni di euro.  “Potevo aspettarmi una sentenza negativa, ma non di queste proporzioni. Il nostro comune è il più esposto, dovrà sborsare qualcosa come 7/8 milioni di euro.  Sono in contatto con l’avvocato e con i sindaci dei 51 comuni per capire il dispositivo della sentenza e valutare quali strategie mettere in atto. A breve organizzerò un incontro congiunto con gli altri miei colleghi. Per l’incapacità e la superficialità di amministrazioni del passato, oggi i comuni e con essi i cittadini, pagano delle conseguenze gravissime per la stabilità di un intero territorio”.

Sulla sentenza i membri del collegio si sono espressi all’unanimità senza tentennamenti, respingendo in toto le eccezioni sollevate a sui tempo da tutti i soggetti interessati. In buona sostanza i socci avrebbero dovuto vigilare prima che si verificasse il fallimento e in questo modo avrebbero sperperato i soldi dei cittadini. Ad essere maggiormente amareggiati sono i sindaci subentrati a coloro che avevano deciso di aderire al consorzio e che non hanno nessuna responsabilità. L’intenzione, come ha già dichiarato Alberto Rostagno è quella di stabilire una linea comune per fronteggiare la situazione ed è facile immaginare che si dovrà ricorrere a lunga contrattazione con il commissario straordinario Ambrosini e alla inevitabile richiesta di rateizzazione. La più previdente, forse, è stata l’Amministrazione rivarolese che, per fronteggiare l’emergenza ha accantonato 4,5 milioni di euro.

“C’è una ragione ben precisa per cui i cittadini si saranno accorti che non abbiamo investito in questi due anni” commenta il vicensindaco e Assessore al Bilancio Edo Gaetano. Previdenti si, ma nessuno si attendeva di dover sborsare quasi il doppio del “tesoretto” accantonato. E adesso si pensa anche a un possibile intervento dal presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino che aveva promesso alcuni giorni fa di fare in modo che le amministrazioni interessate dal fallimento Asa non andassero in default. Il resto della storia è ancora tutto da scrivere.

27/10/2020 

Cronaca

Guerriglia urbana a Torino, il presidente Cirio: “Pene esemplari per i delinquenti”

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio stigmatizza le violenze che hanno caratterizzato una delle manifestazioni […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Caluso: dopo la madre è morto anche il bimbo di 5 anni coinvolto in un tragico incidente stradale

E’ morto nella mattinata di ieri, lunedì 26 ottobre, il bambino di 5 anni vittima di […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Sanità

Coronavirus: balzo in avanti del contagio. +2.458 casi positivi. 13 i morti a causa del Covid-19

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che, alle 19,30 di oggi, martedì 27 ottobre, […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Covid-19 a Volpiano, chiusi l’ufficio anagrafe e l’asilo nido comunale per la presenza di casi positivi

L’ufficio Anagrafe del Comune di Volpiano è chiuso al pubblico da oggi, martedì 27 ottobre, fino […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Ivrea: titolare di una piadineria multato di 400 euro per aver servito un cliente dopo le 18

Sanzione di 400 euro per aver servito una piadina a un cliente dopo le ore 18,00. […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Nole, svaligiava le cassette delle offerte dei fedeli in chiesta. Arrestato dai carabinieri nomade 24enne

Lo hanno pedinato per parecchio tempo e alla fine i carabinieri lo hanno colto con le […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy