Valli di Lanzo: ruba un’auto non si ferma all’alt della pattuglia dei carabinieri e fugge perchè ubriaco

04/08/2019

CONDIVIDI

Animato inseguimento notturno. I militari sono riusciti a fermare un nomade di 32 anni che la sera precedente aveva derubato un giovane a Coassolo

Nelle Valli di Lanzo intorno alle 9,30 di sera, un uomo alla guida di una utilitaria, alla vista di un posto di controllo dei carabinieri dapprima ha rallentato per non destare sospetti, ma quando il militare gli ha fatto cenno con la paletta di accostare, ha accelerato improvvisamente dandosi alla fuga a folle velocità lungo via delle valli e poi percorrendo la strada provinciale 2 in direzione del capoluogo piemontese.

Il tempo di salire sull’auto di servizio e avvisare la centrale operativa della Compagnia di Venaria per le ricerche in area, 4 carabinieri di due pattuglie delle stazioni di Lanzo e Viù si sono subito posti all’inseguimento a sirene spiegate. Lo hanno raggiunto dopo 10 minuti circa e con non poche difficoltà legate a garantire comunque la sicurezza degli utenti della strada, poiché il fuggitivo per non farsi bloccare ha imboccato strade in contromano e ha impegnato gli incroci anche con luce rossa dei semafori in pieno centro abitato.

Nel frattempo l’operatore della centrale comunicava alle gazzelle, via radio, che l’autovettura inseguita, una Lancia Ypsilon, era stata rubata poco prima nel vicino paese di Coassolo Torinese. L’inseguimento si è protratto fino a Balangero, dove i militari sono riusciti a fermare il ladro, identificato in un nomade croato di 37 anni, con precedenti, domiciliato nel campo di via San Germagnano di Torino. In tasca del fuggitivo, i carabinieri hanno trovato la somma di 40 euro rubata la stessa sera a un giovane di Coassolo, un paio di forbici a punta, una lametta tagliente, gr. 0,35 di marijuana e con un tasso alcolemico pari a 1.81 grammi per litro.

L’autovettura e il denaro sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

Leggi anche

18/09/2019

Volpiano: sì alla messa in sicurezza della “provinciale” per Leinì, teatro di incidenti mortali

La questione della pericolosità di un tratto della Strada Provinciale 500 a Volpiano, all’incrocio con via […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ceresole Reale: escursione guidata in E-bike alla scoperta dei tesori del Parco del Gran Paradiso

L’obiettivo è quello di promuovere il territorio e il turismo locale: in questo contesto il bar […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ivrea, la Manital finisce in tribunale. Sul futuro dell’azienda deciderà il giudice fallimentare

Amministrazione controllata per la Manital di Ivrea? A decidere sull’ammissibilità per insolvenza saranno i giudici del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy