Tragedia a Cafasse: pensionato muore a causa del monossido di carbonio. Salva la figlia tetraplegica

Cafasse

/

18/01/2017

CONDIVIDI

A scoprire il cadavere è stata l'assistente domiciliare. La figlia della vittima non è in pericolo di vita

Il monossido di carbonio, inodore e incolore, è uno spietato assassino e ha mietuto, nella notte di mercoledì 18 gennaio, un’altra vittima. Un uomo di 69 anni è stato trovato cadavere, in mattinata, intorno alle 9,30 a Cafasse, nel suo appartamento dopo aver inalato il gas. Con Carmelo G. nell’alloggio si trovava anche la figlia tetraplegica di 35 anni. La ragazza era in vita.

Il personale medico del 118, chiamata dall’assistente domiciliare che quotidianamente si recava in casa, per assistere la ragazza, l’ha trasportata in auto lettiga al pronto soccorso dell’ospedale di Ciriè per essere sottoposta ad ulteriori esami clinici ma le sue condizioni di salute non destano nei medici particolari preoccupazioni.

Per il pensionato, invece, i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Sul luogo della disgrazia sono intervenuti anche i Vigili del fuoco di Torino Stura e i volontari del distaccamento di Mathi Canavese, i carabinieri della stazione di Fiano e la polizia municipale di Cafasse. Indagini corso per appurare definitivamente le cause del morte del sessantanovenne.

Dov'è successo?

Leggi anche

06/06/2020

Previsioni meteo: in Piemonte è allerta gialla per il maltempo. Possibili temporali e grandinate

Continua l’instabilità climatica che caratterizza questo fine settimana grazie alla vasta depressione di origine scandinava ed […]

leggi tutto...

06/06/2020

Quincinetto: cani da caccia bloccati in montagna. Salvati dai coraggiosi tecnici del Soccorso Alpino

Hanno fatto ricorso a tutta la loro esperienza e professionalità per salvare tre cani da caccia […]

leggi tutto...

06/06/2020

Coronavirus in Piemonte: 38 nuovi contagi e un decesso nelle ultime 24 ore. Oltre 20mila i guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi, sabato 6 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy