Torna l’emergenza incendi in Canavese e in Piemonte. E si vigila per evitare l’azione dei piromani

Canavese

/

13/03/2019

CONDIVIDI

La Regione Piemonte ha ritenuto opportuno dichiarare lo stato di massima pericolosità per rischio incendi, che sarà in vigore da mercoledì 13 marzo, su tutto il territorio regionale. Fondamentale anche l’attività di prevenzione e il buonsenso da parte dei cittadini

Torna l’emergenza incendi in Piemonte. Complici le condizioni atmosferiche che da ieri hanno visto il territorio piemontese colpito da una serie di roghi, particolarmente attivi nel torinese.
Dalle prime segnalazioni e verifiche degli incendi in atto, il Sistema antincendi boschivi della Regione Piemonte (volontari Aib e Vigili del fuoco) si è attivato con interventi a San Carlo Canavese, Val della Torre, Bollengo, Bairo e Givoletto, nel Torinese; a Viarigi nell’Astigiano; a Paesana e Bagnolo Piemonte nel Cuneese; a Cremolino nell’Alessandrino; a Mottalciata in provincia di Biella.

Da lunedì 11 marzo continua a essere attivo il fronte di Givoletto e Val della Torre. Dalle 8.30 di martedì 12 marzo hanno operato due elicotteri regionali e uno del Centro operativo aereo unificato (COAU). I sindaci dei due Comuni hanno aperto i rispettivi Centri operativi comunali (Coc). Per facilitare gli interventi di spegnimento è stata chiesta l’interruzione della linea elettrica ad alta tensione, pur assicurando la fornitura di energia nella zona. Al momento sono all’opera sul luogo 25 vigili del fuoco, 35 Aib e una squadra di droni per le valutazioni dell’estensione dell’incendio

Nella mattinata di martedì 12 marzo l’assessore alla Protezione civile, Alberto Valmaggia, ha effettuato un sopralluogo a Val della Torre e Givoletto, potendo costatare i danni provocati: “La mancanza di pioggia e il vento sono condizioni ideali per lo sprigionarsi di roghi. La Regione Piemonte ha pertanto ritenuto opportuno dichiarare lo stato di massima pericolosità per rischio incendi, che sarà in vigore da mercoledì 13 marzo, su tutto il territorio. Fondamentale anche l’attività di prevenzione da parte dei cittadini, sia evitando comportamenti pericolosi, sia segnalando i principi di incendio al numero unico 112”.

Il provvedimento prevede, che, entro una distanza di cento metri dai terreni boscati, arbustivi e pascolivi, siano vietate le azioni che possono determinare anche solo potenzialmente l’innesco di incendio, quali: accendere fuochi, accendere fuochi pirotecnici, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare apparati o apparecchiature che producano faville o brace, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale e combustibile, accendere lanterne volanti, o compiere ogni altra azione operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio. La legge regionale 15/2018 stabilisce anche che su tutto il territorio regionale è vietato l’abbruciamento all’aperto derivante da attività agricole nel periodo compreso tra il 1° novembre e il 31 marzo di ogni anno.

Leggi anche

22/10/2019

Rivarolo Canavese: al castello Malgrà, domenica 27 ottobre, grande festa di Halloween per le famiglie

Dopo il successo delle altre edizioni, domenica 27 ottobre, dalle 15,00 alle 18,00, apertura straordinaria del […]

leggi tutto...

22/10/2019

Incidente mortale a Strambino: anziano di 81 anni esce di strada e perde la vita. Grave la moglie

Si allunga la scia di sangue sulle strade del Canavese: nella mattinata di oggi, martedì 22 […]

leggi tutto...

21/10/2019

San Maurizio Canavese: dal 21 ottobre, attivi i nuovi “velox” che puniranno gli automobilisti da Formula 1

Da oggi, lunedì 21 ottobre, gli automobilisti che percorreranno le strade di San Maurizio Canavese, dovranno […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy