San Giusto Canavese: Libera ha ricordato Pio La Torre e Rosario Di Salvo nella villa del narcos Assisi

30/04/2018

CONDIVIDI

prima della cerimonia si è svolta una simbolica marcia alla quale hanno preso parte autorità civili e militari per commemorare due coraggiosi siciliani uccisi dalla mafia nel 1982

Pio La Torre e Rosario Di Salvo: due siciliani onesti che il 30 aprile del 1982, caddero sotto il fuoco dei killer mafiosi. L’associazione Libera ha ricordato due figure simbolo dell’antimafia a San iusto Canavese, nella lussuosa villa del narcotrafficante Nicola Assisi. Qui, nel rigoglioso giardino, le forze dell’ordine trovarono sepolti sotto terra diversi milioni di euro. L’edificio è stato confiscato in via definitiva e affidato in gestione all’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

Nella mattinata di oggi, lunedì 30 aprile, si è svolta anche una simbolica marcia alla quale hanno partecipato il prefetto di Torino Renato Saccone, insieme a una delegazione di Libera, al colonnello Emanuele De Santis, comandante provinciale dei carabinieri, il sindaco di San Giusto Canavese Giosi Boggio, il testimone di Giustizia Pino Masciari e l’imprenditore di Caselle Mauro Esposito, il testimone di giustizia che ha rivelato, con la sue coraggiose denunce la sua testimonianza, l’infiltrazione della ‘ndrangheta nella bassa Val di Susa e l’ex deputato Davide Mattiello che è stato relatore per la riforma del 416 ter e della legge per la protezione dei testimoni di giustizia.

Nicola Assisi è attualmente latitante nonostante sia stato condannato a 30 anni di reclusione. Gl’investigatori ipotizzano che abbia trovato rifugio in Brasile. Pio La Torre era il deputato comunista che ideò e fece approvare la legge che porta il suo nome e che introdusse il reato di associazione mafiosa. Durante la manifestazione dedicata alla lotta alla criminalità organizzata, sul balcone della villa è stata issata la bandiera italiana: un gesto simbolico per testimoniare che l’abitazione del boss farà parte di una serie di progetti legati alla legalità.

Dov'è successo?

Leggi anche

Cuorgnè

/

14/11/2018

La disastrosa sconfitta di Caporetto nel primo degli incontri storici promossi da “Cuorgnè Viva”

Nell’ambito delle celebrazioni per la fine della Prima guerra mondiale, il Centro Incontri “Cuorgnè viva”, in […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

14/11/2018

San Giorgio Canavese: scontro tra auto sulla provinciale per Ozegna. Due i feriti in ospedale

Due auto semi distrutte ed entrambi i conducenti che finiscono al pronto soccorso: è il bilancio […]

leggi tutto...

Ivrea

/

14/11/2018

Asl T04: Fabrizio Bogliatto, 44 anni, è il nuovo direttore di Ostetricia e Ginecologia di Ivrea

Fabrizio Bogliatto, 44 anni, è il nuovo Direttore della Struttura Complessa Ostetricia e Ginecologia Ivrea. Dopo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy