Rueglio, trentatreenne condannato a quattro mesi per aver lasciato morire di fame due cani

Rueglio

/

08/02/2016

CONDIVIDI

Erano stati i carabinieri e i veterinari a rinvenire i due cadaveri. La pena è stata sospesa

Condannato a quattro mesi di reclusione per aver lasciato morire di fame due cani. La sentenza di primo grado, emessa dal giudice del tribunale di Ivrea, pone fine alla vicenda giudiziaria che ha visto protagonista Vincenzo Tisone, 33 anni, residente a Rueglio. La pena è stata sospesa. I fatti per i quali l’uomo è stato condannato risalgono al 2012: il 30 dicembre di quell’anno,  i veterinari dell’Asl, accompagnati dai carabinieri della stazione di Vico Canavese, ritrovano all’interno di un cascina agricola in frazione Inverso, il cadavere di due cani, ormai ischeletriti e ancora legati ad una catena non più lunga di un metro e mezzo.

Dopo aver sequestrato i due corpi, ancora ben conservati dal freddo pungente, i carabinieri hanno affidato le due carcasse al canile di Caluso dove si è scoperto che uno dei due animali era dotato di microchip. Risalire al proprietario non è stato difficile. Ad effettuare la segnalazione sono stati alcuni residenti della zona che avevano notato i due poveri animali abbandonati a se stessi.

Dov'è successo?

Leggi anche

24/05/2018

TRAGEDIA AD ARE’: TRENO CONTRO CAMION. UN MORTO E NUMEROSI FERITI

Lo scenario che il disastro ferroviario che ha avuto luogo nella tarda serata di oggi, mercoledì […]

leggi tutto...

23/05/2018

Villanova-Nole: Tir trancia i cavi elettrici al passaggio a livello. 200 le persone bloccate su un treno Gtt

Un altro mezzo pesante che al passaggio a livello urta e trancia i cavi dell’energia elettrica: […]

leggi tutto...

23/05/2018

Banchette: furgone travolge una donna in bici e si schianta contro un negozio. Grave una 54enne

Travolta da un furgone mentre si stava recando al lavoro in bicicletta: vittima del grave incidente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy