Rueglio, trentatreenne condannato a quattro mesi per aver lasciato morire di fame due cani

Rueglio

/

08/02/2016

CONDIVIDI

Erano stati i carabinieri e i veterinari a rinvenire i due cadaveri. La pena è stata sospesa

Condannato a quattro mesi di reclusione per aver lasciato morire di fame due cani. La sentenza di primo grado, emessa dal giudice del tribunale di Ivrea, pone fine alla vicenda giudiziaria che ha visto protagonista Vincenzo Tisone, 33 anni, residente a Rueglio. La pena è stata sospesa. I fatti per i quali l’uomo è stato condannato risalgono al 2012: il 30 dicembre di quell’anno,  i veterinari dell’Asl, accompagnati dai carabinieri della stazione di Vico Canavese, ritrovano all’interno di un cascina agricola in frazione Inverso, il cadavere di due cani, ormai ischeletriti e ancora legati ad una catena non più lunga di un metro e mezzo.

Dopo aver sequestrato i due corpi, ancora ben conservati dal freddo pungente, i carabinieri hanno affidato le due carcasse al canile di Caluso dove si è scoperto che uno dei due animali era dotato di microchip. Risalire al proprietario non è stato difficile. Ad effettuare la segnalazione sono stati alcuni residenti della zona che avevano notato i due poveri animali abbandonati a se stessi.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

14/08/2018

Sanità in Canavese: l’Asl T04 assume 101 operatori sanitari per fronteggiare la carenza di personale

Oggi, martedì 14 agosto, la Direzione Generale dell’Asl T04 ha disposto l’assunzione di 101 operatori sanitari: […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

14/08/2018

Rivarolo-Favria: violento scontro tra auto al passaggio a livello. Una vettura finisce sui binari

E’ stato per un puro caso se il bilancio di un incidente stradale non si è […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy