Rivarolo, un grande successo l’inaugurazione della nuova scuola elementare “Gibellini Vallauri”

Rivarolo Canavese

/

19/09/2015

CONDIVIDI

Oltre un migliaio di persone hanno assistito al taglio del nastro. La visita alla scuola ha riscosso il consenso di genitori, alunni e della tante autorità intervenute

Da oggi la nuova scuola primaria “Elisabetta Gibellini Vallauri” di Rivarolo Canavese, con il taglio del nastro, è ufficialmente operativa. Oltre un migliaio di persone, hanno preso parte questa mattina alla cerimonia di inaugurazione. In realtà gli alunni hanno iniziato a frequentare il nuovo plesso scolastico da una settimana. Una costruzione moderna, funzionale, colorata, tecnologicamente all’avanguardia. Dopo la cerimonia di inaugurazione, la benedizione religiosa, i presenti hanno potuto visitare il nuovo edificio scolastico realizzato in via Le Maire.

“Oggi per la nostra città, per la città di Rivarolo è un giorno di festa: si inaugura, dopo un lungo e difficile percorso, la nuova scuola primaria. Ripercorro brevemente le tappe che hanno portato a inaugurare questa importante opera. La lungimiranza delle amministrazioni rivarolesi, che si sono succedute nel corso degli anni, ha permesso che un ampio terreno ad uso servizi scolastici ubicato in via Le Maire rimanesse vincolato nei piani regolatori dagli anni 70 in poi – ha detto il sindaco Alberto Rostagno -. Nell’anno 2007 l’amministrazione comunale ha approvato le linee guida per la realizzazione del polo scolastico. Nel 2009, grazie alla disponibilità dell’area vincolata adiacente alla scuola media, iniziarono i lavori per la realizzazione di una nuova scuola primaria, stante la vetustà del plesso scolastico di via Roma. Nel 2011 i lavori di realizzazione della struttura scolastica furono interrotti, rendendo necessaria una modifica del piano economico finanziario iniziale che si manifestò non perseguibile.

Nel 2012 l’arrivo della Commissione straordinaria prefettizia, al posto del disciolto consiglio comunale, ha ridato slancio e nuovo vigore al progetto, rivedendo, modificando e ridimensionando l’impianto originario, investendo denaro pubblico, permettendo così la sostenibilità economica dell’intervento”. aa detto il sindaco Alberto Rostagno nel discorso inaugurale. Nella primavera dello scorso anno, dopo quasi tre anni dall’interruzione, i lavori sono ripartiti con un nuovo cronoprogramma, poi correttamente rispettato – ha proseguito il primo cittadino -. I commissari Massimo Marchesiello, Gaetano Losa, Nazzarena Di Marco e Angela Pagano hanno lavorato sodo fin dal loro insediamento per cercare una soluzione ad una complessa situazione. Con la commissione straordinaria hanno collaborato i sovraordinati: l’ingegner Massimo Del Gaudio e l’architetto Jacopo Chiara. A nome di tutti i cittadini rivarolesi, rivolgo loro un sentito ringraziamento per quanto hanno saputo fare a favore della collettività”.

Il ringraziamento del primo cittadino è andato anche ai cittadini di frazione Argentera. I terreni circostanti la cascina “Battagliona” donati dalla famiglia Gibellini Vallauri, sono serviti a ricavare la somma necessaria per dare l’avvio ai lavori. Cittadini e autorità Nel corso della visita compiuta all’interno del moderno complesso scolastico, genitori, bamnini e autorità non hanno mistero della propria ammirazione per la moderna architettura, per la distribuzione degli spazi, delle aule, della mensa, della palestra, degli spazi aperti frutto di una concezione architettonica razionale e improntata sulla praticità ed efficienza. Il nuovo dirigente scolastico Alberto Focilla ha espresso nel suo apprezzato intervento la personale soddisfazione per la realizzazione di una scuola all’avanguardia che dà lustro alla città e consente agli alunni e agli insegnanti di lavorare in una struttura più che adeguata.

Alla cerimonia hanno preso parte anche l’assessore alla cultura e all’istruzione della città di Rivarolo Costanza Conta Canova, l’assessore regionale all’istruzione Gianna Pentenero che ha portato il saluto del Presidente Chiamparino, il vicesindaco metropolitano Alberto Avetta che ha portato il saluto del Sindaco Piero Fassino, il vice Prefetto di Torino Valeria Sabatino, l’onorevole Francesca Bonomo, l’unica deputata canavesana al Parlamento italiano, la dottoressa Nazarena Di Marco a nome della commissione prefettizia che ha gestito la difficile fase per far ripartire l’iter burocratico-economico dopo la sospensione del lavori di costruzione, la ex dirigente scolastica Maria Assunta Gruosso, il nuovo dirigente della scuola primaria di Rivarolo Alberto Focilla, l’assessore ai lavori pubblici della città di Rivarolo Lara Schialvino, l’architetto Diego Bertotti, progettista e direttore dei lavori mentre per la società costruttrice Edilquattro-Riva Projet  era presente la dottoressa Chiara Borio. Il Vicario generale della diocesi di Ivrea Monsignor Massimo Ricca Sissoldo ha portato il saluto del Vescovo di Ivrea Monsignor Aldo Cerrato e ha benedetto la scuola.

All’inaugurazione hanno partecipato i sindaci di Ivrea, Volpiano,  Caluso, Strambino, Cuorgnè, Valperga, Favria, Ozegna, Agliè , Bairo, Torre, Bosconero, San Benigno, San Giusto, San Giorgio, Salassa, Oglianico, Ciconio , Sparone, Levone, ecc. Praticamente tutti i sindaci dei comuni del circondario rivarolese. I dirigenti e gli ex dirigenti scolastici, Il personale docente e non docente della scuola, gli ex sindaci e gli ex amministratori rivarolesi, i consiglieri comunali, tutte le associazioni rivarolesi, la Società Filarmonica e tantissimi bambini con i loro genitori.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/08/2019

Previsioni meteo: clima instabile in Canavese e al Nord. Possibili temporali anche in montagna

Queste le previsioni metereologiche di lunedì 19 agosto: Tempo instabile al Nord sui settori alpini centro-occidentali […]

leggi tutto...

18/08/2019

Previsioni meteo: torna il caldo africano. Attesi temporali in Canavese e nelle regioni del Nord

Torna, da domani lunedì 19 agosto, l’anticiclone africano che poterà con sé il gran caldo e […]

leggi tutto...

18/08/2019

Ragazza nasce con un solo ventricolo, ma i chirurghi evitano il trapianto di cuore e la salvano

E’ nata con una grave patologia congenita, un cuore con un solo ventricolo. L’unica speranza di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy