Rivarolo, commercio in crescita nonostante la crisi. L’assessore Leone: “In città c’è ottimismo”

Rivarolo Canavese

/

28/01/2017

CONDIVIDI

La città si conferma come capitale economica dell'Alto Canavese. In totale sono circa cinquecento le attività commerciali. Positivo il saldo a fine anno: 32 aperture contro 22 cessazioni

Gli effetti della crisi economica si fanno sentire e su questo non c’è dubbio così come è evidente che uno dei settori maggiormente colpiti dal calo dei consumi è quello del commercio al dettaglio: se questa è la tendenza che accomuna la realtà canavesana a quella regionale e nazionale, Rivarolo Canavese va in controtendenza. “La nostra città, indipendentemente dalla congiuntura economica che è reale, dimostra e i numeri confortano questa constatazione, di essere dinamica e particolarmente appetibile per chi intende avviare un’attività commerciale – spiega Claudio Leone, assessore al Commercio di Rivarolo Canavese -. Non si tratta di un giudizio di parte: in tutta franchezza abbiamo potuto constatare al termine del 2016 come le nuove aperture superino di gran lunga le chiusure. Un dato di fatto che ci conforta perchè dimostra come ci siano esercenti che credono nelle potenzialità che la nostra città può ancora offrire”.

I numeri sono tali e, quindi, difficilmente contestabili dato che la matematica non è un’opinione: su 495 esercizi commerciali, al 28 dicembre 2016 il saldo positivo rivela come, a fronte di 22 cessazioni di attività sono da registrare 32 nuove aperture. Nel dettaglio si sono verificate, nel corso dello scorso anno, 23 aperture nel commercio in sede fissa, 6 nuove aperture di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (bar e ristoranti), una nuova attività artigianale e hanno aperto i battenti tre nuove attività nel settore delle parrucchiere estetiste.

In definitiva, ad oggi, sono 495 i negozi e le attività artigianali attivi in città. 310 sono gli esercizi commerciali, 69 gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (compresi trattenimenti e svago), 1 grande Centro Commerciale, 35 acconciatori, 19 estetiste, 3 poliambulatori medici, 4 distributori di carburanti, 19 attività artigianali alimentari, 6 agenzie di viaggio, 4 centri massaggi, una struttura ricettiva e 24 esercizi di commercio elettronico.

Una realtà, rispetto al 2015, che si è rivelata ancora in graduale crescita.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...

17/11/2019

Levone: padre, madre e figlio 16enne spacciavano droga in casa. Due denunce e un arresto

Attività di contrasto dei carabinieri contro la criminalità diffusa nella provincia di Torino. 3 arresti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy