Ozegna: la “Littelfuse” annuncia la chiusura dello stabilimento. In 41 rischiano il posto di lavoro

Ozegna

/

11/04/2019

CONDIVIDI

Lunedì 15 aprile è previsto un incontro tra azienda e sindacati all’Unione industriale di Torino. L'obiettivo è quello di garantire la continuità occupazionale

Otto ore di sciopero e presidio davanti ai cancelli della Littelfuse, azienda che opera nel comparto della componentistica per auto che possiede uno stabilimento a Ozegna. Il motivo? L’azienda ha annunciato a sorpresa la cessazione dell’attività i Canavese con il conseguente licenziamento dei 41 dipendenti. Una “doccia gelata” che è sfociata nella mobilitazione che ha avuto luogo nella giornata di oggi, giovedì 11 aprile, e alla quale hanno preso parte i sindacati di categoria e il sindaco di Ozegna Sergio Bartoli, che ha espresso la solidarietà dell’Amministrazione.

La notizia della cessazione di attività è stata ufficializzata nella mattinata di ieri, mercoledì 10 aprile. Lunedì 15 aprile è previsto un incontro tra azienda e sindacati all’Unione industriale di Torino per fare luce si una situazione della quale si conoscono ancora pochissimi particolari.

Il responsabile territoriale della Fiom-Cgil Fabrizio Bellino definisce la situazione “gravissima” e spiega che il presidio e lo sciopero denunciano nella realtà una situazione che definisce “inaccettabile”.

L’intento del sindacato è quello di coinvolgere nella vicenda anche le istituzioni locali e aprire un costruttivo confronto la Littelfuse con l’obiettivo di far rientrare la dismissione dell’azienda o, nel caso in cui questo fosse impossibile, garantire in qualche modo la continuità dell’occupazione per i 41 dipendenti che rischiano di perdere il posto di lavoro.

Leggi anche

Ivrea

/

25/06/2019

Economia: a Ivrea il Ceo Thomas Miao racconta l’epopea del colosso cinese della telefonia Huawei

Huawei Italia è stata la protagonista del terzo appuntamento nell’ambito dell’iniziativa “Le imprese si raccontano”, un […]

leggi tutto...

Quincinetto

/

25/06/2019

Frana di Quincinetto, l’Uncem polemizza: “A rendere sicura la A5 devono essere le concessionarie”

E’ l’immobilismo delle società concessionarie dell’A5 Torino-Aosta a preoccupare, e non poco, Marco Bussone, presidente nazionale […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

25/06/2019

San Giorgio Canavese: violento schianto tra auto e moto. Due “centauri” di Forno al Cto di Torino

Due motociclisti sono rimasti feriti in un grave incidente stradale che ha avuto luogo, nel pomeriggio […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy