Locana: bonus di 3mila euro all’anno per le famiglie che si trasferiranno in paese

18/05/2018

CONDIVIDI

Il contributo è destinato alle famiglie che acquistino o affittino un alloggio in paese e che si impegnino a risiedere a Locana per almeno cinque anni. L'obiettivo: porre un freno allo spopolamento che dura da anni

Tremila euro a famiglia all’anno per un massino di un triennio: è l’ultima trovata dell’amministrazione comunale di Locana, rinomata località della Valle Orco nel Parco del Gran Paradiso per impedire il graduale spopolamento del paese. Unica condizione: del nucleo famigliare deve fare parte almeno un bambino in età scolare. Sono questi gli elementi essenziali di un provvedimento che l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Bruno Mattiet intende adottare per ridurre l’impatto del graduale spopolamento dei comuni montani.

La situazione non è certo delle più rosee: in dieci anni la popolazione si è ridotta di 250 abitanti. Le ragioni: il lavoro che manca in Valle e in molti scelgono di emigrare in pianura in cerca di migliori occasioni di vita. Per porre un freno all’emorragia di abitanti si è pensato di assegnare una sorta di “bonus” di 3mila euro per ogni anno di frequenza alla scuola elementare per un massimo di tre anni.

Il contributo è destinato alle famiglie che acquistino o affittino un alloggio in paese e che si impegnino a risiedere a Locana per almeno cinque anni. L’amministrazione ha messo al bilancio, 30mila euro che verranno erogati a dieci nuclei famigliari nel momento in cui l’ufficio anagrafe del Comune rilascerà il certificato di residenza. E c’è di più: le famiglie interessate dovranno avere un reddito Isee pari o superiore a settemila euro ed i componenti del nucleo famigliare devono essere residenti in Italia da almeno cinque anni.

L’obiettivo che si è posto l’amministrazione comune, spiega il sindaco Mattiet, è quello di evitare che la spopolamento causi la chiusura forzata delle scuole comunali.

Lo stanziamento finalizzato alla costituzione dei “bonus”, approvato nel consiglio comunale dello scorso 20 aprile, è uno dei più consistenti capitoli di spesa previsti dal bilancio comunale.

Dov'è successo?

Leggi anche

13/08/2020

Covid-19: in Pneumologia all’ospedale di Ivrea un nuovo spirometro multidisciplinare

In questi giorni, presso l’Ospedale di Ivrea, è stato installato il nuovo spirometro acquistato per la […]

leggi tutto...

13/08/2020

Coronavirus: tampone obbligatorio per chi arriva in Piemonte da Spagna, Grecia, Malta e Croazia

Ulteriore stretta della Regione Piemonte nei guardi dei turisti che si sono recato in questi giorni […]

leggi tutto...

13/08/2020

Andrate: turista scivola sulle rocce del torrente e si ferisce. Interviene il Soccorso Alpino

È stata questione di un attimo: la donna si era recata sul greto del torrente Viona […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy