Ivrea, grande festa dell’Unitalsi con il vescovo Cerrato e il presidente Pierfranco Bertolino

Ivrea

/

26/06/2017

CONDIVIDI

La sezione Piemonte, che conta oltre un secolo di vita, è per anzianità e iscritti la seconda in Italia dopo quella di Roma

Una grande festa dedicata ai tanti, tantissimi volontari dell’Unitalsi che, quotidianamente si adoperano per assistere i malati e che organizzano i tradizionali pellegrinaggi a Lourdes: un impegno non da poco ma che porta conforto laddove il dolore ha il sopravvento sulla speranza. Ivrea “la bella”, la città della “cerulea Dora” e dell’Olivetti, ha ospitato nella giornata di ieri, domenica 25 giugno l’annuale festa della sezione piemontese dell’Unitalsi, l’associazione presieduta dall’avvocato canavesano Pier Franco Bertolino. Alla manifestazione, caratterizzata da una folta presenza di volontari e simpatizzanti, hanno anche preso parte anche il vescovo di Ivrea Monsignor Edoardo Cerrato e Don Carmine Arice, assistente della Sezione Piemontese dell’Unitalsi. Il folto gruppo ha assistito alla Santa Messa celebrata nel Duomo di Ivrea e, dopo la funzione religiosa, si è svolto il tradizionale pranzo.

Il pomeriggio è stato dedicato, con spirito di fratellanza, al divertimento e alla condivisione di intenti e di ideali accomunati dalle fede. L’Unitalsi piemontese è attualmente impegnata nell’organizzazione del pellegrinaggio a Lourdes che avrà luogo dal 9 al 14 luglio. La partenza è vista dalla stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova. Dopo quella di Roma, la sezione piemontese dell’Unitalsi è la più antica d’Italia. L’unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali, fondata nel 1903 da Giovanni Battista Tomassi. La fondazione dell’associazione è nata da una malattia, da una speranza che aveva il sapore di un’ultima sfida: Giovanni Battista Tomassi apparteneva a una famiglia più che benestante (era figlio dell’amministratore della potente famiglia Barberini di Roma)  ed era affetto da un’artrite deformante che lo faceva soffrire non poco. Decise di recarsi a Lourdes davanti alla grotta di Massabielle dove l’Immacolata Concezione apparve a una povera pastorella di nome Berndette.

Il giovane era deciso: se non fosse gurito si sarebbe tolto la vita proprio lì davanti alla grotta delle apparizioni, Giovanni Battista non guarì ma nel vedere quanta sofferenza e quanta speranza conduceva folle di ammalati come lui a quel santo luogo ebbe un effetto folgorante: una sorta di conversione che lo condusse a fondare l’Unitalsi. La sezione pimontese nacque nel 1914 ad opera dell’avvocato Carlo Bianchetti. L’Unione Nazionale conta oggi centomila aderenti di ogni ceto sociale ed estrazione e, a distanza di 114 anni dalla sua fondazione fa della carità nei confronti del prossimo il perno della sua continua e infaticabile attività.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/10/2019

Cuorgnè: è attivo lo sportello d’ascolto per aiutare le donne vittime di maltrattamenti e violenza

L’Amministrazione Comunale della Città di Cuorgnè è ormai da diversi anni in prima linea nella lotta […]

leggi tutto...

16/10/2019

Castellamonte, in primavera il trasferimento del distaccamento dei vigili del fuoco nella nuova sede

Avrà luogo la prossima primavera il tanto atteso trasferimento del distaccamento volontario dei vigili del fuoco […]

leggi tutto...

16/10/2019

Rivara: il sacerdote antimafia don Luigi Ciotti inaugura l’anno accademico dell’Unitre

È stata una grande giornata quella di ieri, 15 ottobre, per l’Unitre di Rivara-Alto Canavese. In […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy