Emergenza idrica, in Canavese stop al consumo inutile di acqua

Canavese

/

08/07/2015

CONDIVIDI

La Smat invita i Comuni a fare in modo che i cittadini evitino sprechi, visto il perdurare dell'ondata di caldo torrido

Il caldo africano che in questi giorni ha colpito il Nord Italia, inizia a creare i primi, preoccupanti problemi per quanto riguarda l’approvigionamento idrico dei Comuni.

Il problema riguarda anche il Canavese, tanto che la Smat, la società che gestisce gli acquedotti del territorio ha chiesto ai Comuni di sensibilizzare gli utenti sull’importanza di limitare l’uso dell’acqua potabile per evitare future emergenze.

Il perdurare dell’ondata di calore oltre le medie stagionali potrebbe costringere la società a fare ricorso alle riserve. Castellamonte è uno dei primi comuni ai quali è pervenuta la comunicazione della Smat e il sindaco Paolo Mascheroni ha già firmato un’ordinanza allo scopo di limitare al massimo il consumo di acqua ai soli fini domestici.

Saranno gli agenti della polizia municipale a controllare che l’ordinanza sia rispettata. Niente irrigazioni dei campi, dunque, né riempimento di piscine e neanche lavaggi di auto.

Dov'è successo?

Leggi anche

26/02/2020

Chivasso, misteriosa morìa di carpe nella roggia che scorre vicino alla discarica. Indagini in corso

Sono decine le carpe morte rinvenute oggi, mercoledì 26 febbraio, nella roggia Campagna di Chivasso, nei […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di Coronavirus a Ciriè, il tampone sul paziente di 63 anni è negativo

Ultim’ora: il tampone effettuato sul paziente di 63 anni che nella serata di ieri si era […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di coronavirus a Ciriè. Chiuso il pronto soccorso dell’ospedale cittadino

Caso sospetto di coronavirus all’ospedale di Ciriè dove è stato chiuso il pronto soccorso: un uomo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy