Cuorgnè, condannati i quattro membri della “banda degli albanesi” che aveva svaligiato due villette

Cuorgnè

/

02/12/2015

CONDIVIDI

Gli imputati sono stati processati per direttissima e hanno patteggiato la pena di due anni e 3 mesi di reclusione

Avevano compiuto due furti in due villette di Cuorgnè. La “banda degli albanesi” era particolarmente attiva fino a quando, alla fine dello scorso mese di settembre, i carabinieri del Comando provinciale dell’Arma non hanno messo fine alla loro attività criminale facendo scattare le manette ai polsi di quattro uomini.

I membri della gang sono stati processati per direttissima in tribunale a Ivrea davanti al giudice Elena Stoppini. Dalip Lazri, 34 anni, Denis Tanuschi di 29 anni, Urim Murra 21 anni e Martin Troca di 24, accusati di furto aggravato e ricettazione, hanno patteggiato la pena di 2 anni e 3 mesi. I membri della banda erano stati arrestati nella notte del 29 settembre a Torino. I quattro avevano compiuto da poco il doppio furto in due ville cuorgnatesi in via Emilio Alessandrini, trafugando gioielli, telefoni cellulari e orologi di marca. Un bottino che ammontava a circa diecimila euro.

Tra l’altro, per effettuare i “colpi” i quattro uomini avevano rubato anche un’automobile Bmw a La Loggia. Gli albanesi era dei veri professionisti: sono entrati nelle case mentre i proprietari erano in casa e hanno agito indisturbati senza che nessuno dei proprietari si accorgesse di nulla. La “gang” è stata scoperta per un’ingenuità: sotto l’abitazione di uno dei membri della banda i carabinieri hanno ritrovato un fuoristrada rubato il 25 settembre a Mondovì che apparteneva a un ex amministratore comunale.

Grazie a quella segnalazione i carabinieri sono riusciti ad assicurare alla giustizia tutti i membri della piccola ma temibile banda di ladri.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte/Ozegna: violento scontro tra auto sulla provinciale. Due feriti di San Giusto e San Giorgio

Uno scontro violentissimo tra due auto ha fatto finire in ospedale entrambi i conducenti degli automezzi: […]

leggi tutto...

Cantoira

/

24/11/2017

Violento incendio a Cantoira: grazie a WhatSapp i residenti nel paese salvano il bosco

E’ grazie all’applicazione per smartphone WhatSapp che è stato possibile circoscrivere un violento incendio che avrebbe […]

leggi tutto...

24/11/2017

Albiano d’Ivrea: è deceduta l’ex professoressa Liana Montevecchi vittima di un tragico incidente stradale

Era rimasta coinvolta, nel pomeriggio di martedì, in un grave incidente stradale ad Albiano nel corso […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy