Chivasso: nell’auto con targa francese nascondeva mezzo milione di euro. Denunciato un 43enne

Chivasso

/

11/10/2018

CONDIVIDI

A tradire il "trasportatore" torinese è stato il nervosismo. Gli agenti di polizia lo hanno accusato di riciclaggio

Aveva accuratamente sistemato oltre 420 mila euro in contanti in vari tagli in un vano abilmente ricavato al di sotto dell’Audi Q3 con targa francese e apribile attraverso un telecomando. Sono stati gli agenti della squadra mobile di Torino a scoprire l’ingegnoso trucco usato da un uomo di 43 anni residente a Torino. E’ accaduto nei giorni scorsi alla barriera autostradale di Rondissone dell’A4 Torino-Milano a pochi chilometri da Chivasso.

A tradire il “trasportatore” di denaro è stato il nervosismo: nel corso di una perquisizione i poliziotti si sono resi conto che l’uomo, che viaggiava con un conoscente, era stranamentre agitato. Quando hanno notato qualcosa di strano aol di sotto dell’automobile gli agenti hanno chiamato i collegi della squadra mobile.

Dopo un controllo decisamente più accurato gli agenti hanno scoperto l’intercapedine stipata di denaro suddiviso in tagli da 5,00, 10,00, 20,00, 50,00 e 100,00 euro. In tutto 429 mila 900 euro. L’auto e il denaro sono stati sequestrati mentre il 43enne è stato denunciato per riciclaggio. Il passeggero è stato invece ritenuto estraneo ai fatti.

Leggi anche

15/09/2019

La Regione stanzia 15 milioni per iniziative di contrasto alla violenza su bambini e adolescenti

L’assessore regionale alle Politiche sociali, Chiara Caucino, annuncia la pubblicazione del bando “Ricucire i sogni”, che […]

leggi tutto...

15/09/2019

Mappano: fugge alla vista del carabinieri e sperona la “gazzella” per fermarli. Arrestato diciassettenne

Quella vecchia Fiat uno che si aggirava di notte nelle strade di Mappano non era sfuggita […]

leggi tutto...

15/09/2019

Ala di Stura: va in cerca di funghi, cade dal sentiero e precipita nella scarpata. Muore un 70enne di Ciriè

E’ morto mentre si stava avventurando in montagna alla ricerca di funghi. Un’altra, ennesima vittima. A […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy