Ceresole Reale, 14 mila euro dei contribuenti per la salvaguardia del Parco del Gran Paradiso

Ceresole Reale

/

01/06/2015

CONDIVIDI

La tutela dell'area protetta risente dei tagli imposti dalla legge finanziaria. Il contributo dei cittadini è determinante

Oltre 14mila euro. Ossia quelli derivanti dal 5 per mille della dichiarazione dei redditi riferiti al 2013 che 437 contribuenti L’Agenzia delle Entrate ha comunicato negli scorsi giorni i risultati sugli importi del 5 per mille relativi alle dichiarazioni dei redditi del 2013. Il Parco Nazionale Gran Paradiso, che rientra tra i beneficiari come ente di ricerca scientifica, si è aggiudicato la cifra di 14.946 euro che verranno impiegati a sostegno della ricerca nell’area protetta. A beneficiarne saranno anche le rare specie di stambecchi che hanno fatto del Parco il loro habitat naturale. Il veterinario Bruno Bassano, responsabile del servizio scientifico del Parco esprime tutta la sua soddisfazione e ringrazia i cittadini che hanno scelto di sostenere con il loro contributo l’attività scientifica. Un’attività costante che ha prodotto ottimi risultati tanto da conseguire numerosi riconoscimenti internazionali, nonostante il taglio drastico dei trasferimenti economici statali agli enti statali e ricerca scientifica.

Va sottolineato, infine, che anche per il 2015 sarà possibile per tutti i cittadini e amanti della natura, sostenere la ricerca scientifica del Parco donando il proprio 5 per 1000. Basta apporre la propria firma nel riquadro “finanziamento della ricerca scientifica e dell’università” del modello Unico Persone Fisiche, Modello 730, oppure nella scheda allegata al CUD per tutti coloro che sono dispensati dall’obbligo di presentare la dichiarazione, ed inserire il codice fiscale del Parco 80002210070. Si tratta di una scelta responsabile che aiuterà i ricercatori a migliorare ulteriormente la sostenibilità e la vivibilità di una Parco che tutto il mondo ci invidia.

Leggi anche

20/10/2019

Leinì: la 23enne Denise è morta in un tragico incidente stradale. Il ricordo disperato del padre e degli amici

Denise Puglia, 23 anni, residente ad Alice Superiore in Val di Chy e Angelo Raffaele Torchia, […]

leggi tutto...

20/10/2019

Vische-Mazzè: banda di ladri fa saltare in aria due bancomat. I carabinieri sulle tracce dei malviventi

Intorno alle 1,30 circa della notte di domenica 20 ottobre,  a Vische e nella vicina Tonengo […]

leggi tutto...

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy