Canavese: si studia l’ipotesi di dare vita ad un unico, grande, consorzio socio-assistenziale

Ivrea

/

24/05/2016

CONDIVIDI

La proposta arriva da Ivrea e buona parte dei sindaci sarebbe propensa a discuterla. Meno favorevoli, invece, i primi cittadini dei comuni del Calusiese

Ogni tanto l’ipotesi ogni tanto spunta e poi, rapidamente, tramonta. Questa volta pare che si voglia fare sul serio e fare in modo di dare vita a un unico, grande consorzio socio-assistenziale in grado di servire un bacino di quasi duecentomila abitanti. Una soluzione possibile unificando i distretti sanitari e l’attività del “Ciss 38”, del consorzio “In.Rete” di Ivrea e il “Cissac” di Caluso. La sede? Potrebbe essere quella dell’ex Manifattura di Cuorgnè. Adesso la parola passa ai sindaci nella speranza che si accantonino per una volta i campanilismi per avviare un tavolo tecnico. E’ poco più di una ipotesi, sia chiaro. Molto, ovviamente dipenderà dalla fattibilità dell’iniziativa.

La proposta, va detto arriva da Ivrea e, a quanto sempre, non del tutto dispiaciuta a diversi sindaci dei comuni situati nell’Alto Canavese. I meno convinti della bontà e, soprattutto dell’utilità dell’unificazione, sono i primi cittadini che amministrano i piccoli comuni dell’area calusiese. Il sindaco di Locana, Bruno Mattiet è convinto che sia utile almeno provare a instaurare un confronto costruttivo, perché più volte la separazione con i Ivrea e i 40 comuni che le fanno da corollario, ha creato situazioni spesso negative, come nel caso, ad esempio nel caso della raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

L’unificazione avrebbe un unico, ma importante obiettivo: quello di avere un  maggiore peso specifico nell’erogazione, da parte dell’assessorato alla Sanità della Regione Piemonte, dei contributi legati ai servizi socio-assistenziali e fare in modo che i servizi erogati alle fasce dei cittadini in difficoltà e la quota pro-capite che ogni comune versa nelle casse dei consorzi, siano univoci per tutti. Senza contare, infine, che le economie di scala che si potrebbero applicare, libererebbe risorse essenziali per l’erogazione di un’assistenza più capillare e in grado di affrontare convenientemente la crescente emergenza sociale.

Dov'è successo?

Leggi anche

04/06/2020

Volpiano: asili nido privati senza soldi. E il Comune anticipa i contributi del ministero dell’Istruzione

Il Comune di Volpiano ha anticipato agli asili nido privati e alla scuola paritaria dell’infanzia operanti […]

leggi tutto...

04/06/2020

Coronavirus in Piemonte: 12 i decessi (nessuno oggi 4 giugno). In discesa il numero dei nuovi contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, oggi giovedì 4 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

04/06/2020

Caselle: l’aeroporto torinese ha ottenuto la certificazione Airport Customer Experience Accreditation

L’Aeroporto di Torino ottiene la certificazione Airport Customer Experience Accreditation di ACI-Airport Council International, l’associazione di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy