Caluso: pensionato alla sbarra per presunta violenza sessuale. L’accusa: palpeggiò la figliastra

Caluso

/

21/07/2016

CONDIVIDI

Il giudice ha ascoltato i testimoni e la vittima dei presunti abusi. Una parente della giovane ha però raccontato una versione che getta nuova luce sulla vicenda

La sordida vicenda di presunti abusi sessuali è accaduta a Caluso nel maggio del 2013. I protagonisti: una giovane che all’epoca dei fatti aveva 22 anni e il patrigno, Augusto Artosi, 67 anni, residente in paese, difeso dall’avvocato Enrico Scolari del Foro di Ivrea. Il processo a carico dell’anziano pensionato, accusato di violenza sessuale,  è ancora in corso. Nell’udienza di mercoledì 20 luglio, che ha avuto luogo in un’aula del tribunale di Ivrea, è stata ascoltata la presunta vittima. L’audizione ha avuto luogo a porte chiuse. La giovane ha raccontato al magistrato tutte le varie fasi che hanno caratterizzato la vicenda: una sera, mentre era impegnata a lavare i piatti dopo la cena. Il patrigno dopo essersi accostato le avrebbe infilato le mani sotto la maglietta. Un gesto inaspettato e scioccante. La giovane, si sottrasse al palpeggiamento e, pensando che la cosa fosse finita lì, si recò in camera da letto ma l’uomo la seguì, tentando ancora un approccio. A quel punto la fanciulla reagì e in modo così deciso, da far desistere il patrigno dal mettere in atto le insane voglie.

Ma seminare il dubbio sulla veridicità del racconto è stata una parente della ragazza la quale ha raccontato al magistrato che la giovane le aveva confidato quanto era accaduto con una freddezza e distacco inusuali. La parente insistette per convincere la vittima parlarne con la madre e successivamente presentare una denuncia alla locale caserma dei carabinieri. Per tutta risposta, a detta della testimone, la fanciulla andò in escandescenze e le intimò di non dire nulla. Soltanto qualche tempo dopo la parente venne a sapere che la ragazza aveva denunciato il patrigno. Tra l’altro la donna ha raccontato in aula che, nel periodo a cavallo tra il 2013 e il 2014, la ragazza aveva problemi economici e di droga e chiedeva soldi a quanti conosceva. L’udienza è stata aggiornata al 18 ottobre. In quell’occasione riprenderà l’audizione degli ultimi testimoni che forse, contribuiranno a chiarire i contorni ancora nebulosi di questa squallida vicenda famigliare di provincia.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/08/2019

Volpiano, a ottobre finalmente la gara d’acquisizione di Comital e Lamalù. Fine dell’incubo?

Il conto alla rovescia è già iniziato: tra 45 giorni si aprirà ufficialmente la gara per […]

leggi tutto...

19/08/2019

Chivasso: è tutto pronto per la fantasmagorica festa patronale del “Beato Angelo Carletti”

La Città di Chivasso si appresta a festeggiare il suo Santo Patrono Beato Angelo Carletti nel […]

leggi tutto...

19/08/2019

Cade dal sollevatore in casa di riposo durante uno spostamento. Grave una pensionata di 96 anni

E’ ancora ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Chivasso l’anziana di 96 anni vittima di un […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy