Autostrade, l’Uncem ai concessionari: “Parte dei pedaggi vadano al Fondo Nazionale della Montagna”

Canavese

/

22/08/2018

CONDIVIDI

Parte di quel denaro, a giudizio dell'Unione Nazionale dei Comuni Montani, dovrebbe essere destinato alla manutenzione della rete stradale esistente e alle nuove opere viarie con l'obiettivo di aumentare la sicurezza dei trasporti ed evitare tragedie similari a quella di Genova

Sin dal 2012 l’Uncem ha chiesto ai concessionari delle autostrade piemontesi di destinare una percentuale del gettito dei pedaggi incassati ai territori attraversati dalle reti. Stessa cosa per le ferrovie. Una porzione del biglietto per la manutenzione delle strade secondarie, ad esempio, ovvero per comporre il “Fondo nazionale montagna” volto a interventi di prevenzione del dissesto e sviluppo sociale ed economico del territorio. “Così, già allora, non volevamo aumentare la spesa pubblica – spiega il presidente Uncem Piemonte Lido Riba -. Sono passati sei anni e il tema concessioni autostradali è tornato in prima pagina a seguito della tragedia di Genova. Uncem ha espresso il suo cordoglio e ha chiesto alla politica di occuparsi seriamente della questione. Abbiamo fatto, sei anni fa come oggi, una proposta operativa, di buon senso. La riprendiamo consegnandola al Ministero e ai Parlamentari affinché se ne occupino”.

Quella delle autostrade, secondo la proposta Uncem, sarebbe una compensazione importante, un intervento a favore dei territori e delle reti secondarie, a fronte degli utili a otto cifre per le aziende che gestiscono le autostrade, in particolare nelle aree montane del Piemonte, attraversate dalla A32 per ben 63 chilometri (da Avigliana a Bardonecchia, oltre ai 13 chilometri del Tunnel del Frejus), dalla A6 per 50 chilometri (da Mondovì a Savona), dalla A26 per 24 chilometri (da Meina a Gravellona Toce, oltre alla Statale Anas che conduce al Sempione), dalla A7 nella zona dello Scrivia e dalla A5 per 8 chilometri (da Quassolo a Carema), dalla A26 nelle valli Alessandrine.

“Le opere viarie insistono infatti su un territorio che è il bene pubblico per eccellenza – precisa Riba -. Al pari del prelievo dell’acqua potabile dalle Terre Alte, dei canoni per l’escavazione e per le cave, è necessario impostare dei ritorni economici stabili per l’insistenza delle grandi infrastrutture nelle aree alpine”.

Uncem vuole aprire un dialogo con le concessionarie che gestiscono valichi alpini e autostrade. “Una parte dei loro utili deve essere destinata alle comunità locali, alla manutenzione e alle nuove opere viarie ad esempio”, spiega Paola Vercellotti, vicepresidente dell’Uncem Piemonte. Le cifre parlano chiaro: sono oltre un milione i veicoli leggeri che transitano ogni anno sull’A32 e sei milioni i veicoli pesanti. Le tariffe agevolate per i residenti non sono sufficienti per compensare la lingua di cemento e asfalto che corre lungo la valle.

“Le tariffe agevolate per i residenti non sono sufficienti per compensare la lingua di cemento e asfalto che corre lungo la valle. Alcuni amministratori hanno proposto anni fa di destinare parte del pedaggio al territorio montano”. Una percentuale da concordare, da destinare a interventi ambientali e per lo sviluppo. “Questo permetterebbe manutenzione costante delle strade provinciali – prosegue Vercellotti – migliore vivibilità, maggiore sussidiarietà tra imprese, enti locali e cittadini residenti nei Comuni di tutte le aree montane piemontesi e italiane attraversate da autostrade. E il percorso va fatto anche con Trenitalia.

“Servono una gestione razionale e sicura dei trasporti – conclude Riba – nel contesto di una rete integrata, coordinata e transfrontaliera”.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/08/2019

Previsioni meteo: torna il caldo africano. Attesi temporali in Canavese e nelle regioni del Nord

Torna, da domani lunedì 19 agosto, l’anticiclone africano che poterà con sé il gran caldo e […]

leggi tutto...

18/08/2019

Ragazza nasce con un solo ventricolo, ma i chirurghi evitano il trapianto di cuore e la salvano

E’ nata con una grave patologia congenita, un cuore con un solo ventricolo. L’unica speranza di […]

leggi tutto...

18/08/2019

Danni causati dal maltempo, la Regione Piemonte chiederà lo stato di calamità naturale

La Regione Piemonte sta raccogliendo da tutto il territorio le segnalazioni del danni causati dai nubifragi […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy