11/12/2015

Cronaca

Ivrea, infermiere condannato a due anni di reclusione con l’accusa di aver raggirato due pazienti

Borgomasino

/
CONDIVIDI

Era stato accusato di circonvenzione d’incapace. E l’altro ieri è stato condannato dal giudice del tribunale di Ivrea Ludovico Morello a due anni e tre mesi di reclusione, la confisca e la restituzione di denaro per un importo totale di 113 mila euro. Questa è la pena inflitta all’infermiere Alberto Bronzolo, 52 anni, residente a Ivrea. Secondo l’accusa l’uomo avrebbe circuito due paziente, madre e figlia, entrambe ricoverate nella casa di riposo di Borgomasino.

L’infermiere, difeso dall’avvocato Ferdinando Ferrero, dovrà anche risarcire i danni morali e materiali alle due donne che si sono, a suo tempo costituite parte civile. Assolti, invece, gli altri tre imputati: con l’infermiere nel processo di primo grado erano finiti alla sbarra anche Antonietta Crepaldi, 56 anni, difesa dall’avvocato Scolari, Maritza Castillo Guillen, 38 anni residente ad Azeglio e dipendente della struttura assistenziale, rappresentata dall’avvocato Fiorenza Ferrer e Giorgio Petitti, difeso dall’avvocato Cellerino, medico di base a Strambino e accusato di falsità ideologica in certificati. Il giudice ha assolto i tre imputati: Castilli e Crepaldi per non aver commesso il fatto e il medico Petitti perché il fatto non costituisce reato.

La vicenda copre un arco temporale di due anni, tra il 2009 e il 2011: in quel periodo sia la madre che la figlia erano ricoverate nella casa di riposo di Borgomasino. Il castello accusatorio si basava sul fatto che l’infermiere fosse riuscito a carpire la buona fede delle donne, approfittando del loro stato di disagio psichico, facendosi intestare un appartamento e alcuni conti correnti.

A presentare denuncia erano stati i vertici della struttura sanitaria. La confidenza tra la donna più anziana e l’infermiere era così stretta da suscitare più di un sospetto. Sulla vicenda, in seguito alla denuncia avevano indagato i carabinieri e l’altro ieri mattina, si è giunta alla sentenza di primo grado.

Dov'è successo?

04/03/2024 

Economia

Volpiano, fondi per pagare il mutuo della prima casa. Tutte le informazioni sul sito del Comune

Il Comune di Volpiano, in conformità a quanto stabilito dalla Regione Piemonte, mette a disposizione dei cittadini, aventi […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Cronaca

Dramma a Chivasso: 73enne si toglie la vita lanciandosi dal balcone al quarto piano della casa dove viveva

Una tragedia si è consumata nella mattina di ieri, domenica 3 marzo a Chivasso, dove un […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Cronaca

Chivasso: al via un contest fotografico e marcia antimafia in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

Saranno ricordate martedì 19 marzo a Chivasso le vittime innocenti delle mafie, in concomitanza con la […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Sanità

Cuorgnè: riprende, dopo la pandemia, l’attività della “Palestra della Memoria” per combattere l’Alzheimer

In risposta al Piano Regionale delle Cronicità 2018-2019 Regione Piemonte si avviava l’apertura del “Punto di […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Cronaca

Grave incidente sul lavoro a Ozegna. Operaio trasportato in eliambulanza all’ospedale di Ciriè

Un grave incidente sul lavoro si è verificato nella tarda mattinata di oggi, lunedì 4 marzo, […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Cronaca

Previsioni meteo: dopo la tregua di oggi, da domani, martedì 5 marzo, ritornano pioggia e neve

Queste le previsioni del tempo per domani, martedì 5 marzo, elaborate dal Centro Meteo Italiano: AL […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy