11/12/2015

Cronaca

Ivrea, infermiere condannato a due anni di reclusione con l’accusa di aver raggirato due pazienti

Borgomasino

/
CONDIVIDI

Era stato accusato di circonvenzione d’incapace. E l’altro ieri è stato condannato dal giudice del tribunale di Ivrea Ludovico Morello a due anni e tre mesi di reclusione, la confisca e la restituzione di denaro per un importo totale di 113 mila euro. Questa è la pena inflitta all’infermiere Alberto Bronzolo, 52 anni, residente a Ivrea. Secondo l’accusa l’uomo avrebbe circuito due paziente, madre e figlia, entrambe ricoverate nella casa di riposo di Borgomasino.

L’infermiere, difeso dall’avvocato Ferdinando Ferrero, dovrà anche risarcire i danni morali e materiali alle due donne che si sono, a suo tempo costituite parte civile. Assolti, invece, gli altri tre imputati: con l’infermiere nel processo di primo grado erano finiti alla sbarra anche Antonietta Crepaldi, 56 anni, difesa dall’avvocato Scolari, Maritza Castillo Guillen, 38 anni residente ad Azeglio e dipendente della struttura assistenziale, rappresentata dall’avvocato Fiorenza Ferrer e Giorgio Petitti, difeso dall’avvocato Cellerino, medico di base a Strambino e accusato di falsità ideologica in certificati. Il giudice ha assolto i tre imputati: Castilli e Crepaldi per non aver commesso il fatto e il medico Petitti perché il fatto non costituisce reato.

La vicenda copre un arco temporale di due anni, tra il 2009 e il 2011: in quel periodo sia la madre che la figlia erano ricoverate nella casa di riposo di Borgomasino. Il castello accusatorio si basava sul fatto che l’infermiere fosse riuscito a carpire la buona fede delle donne, approfittando del loro stato di disagio psichico, facendosi intestare un appartamento e alcuni conti correnti.

A presentare denuncia erano stati i vertici della struttura sanitaria. La confidenza tra la donna più anziana e l’infermiere era così stretta da suscitare più di un sospetto. Sulla vicenda, in seguito alla denuncia avevano indagato i carabinieri e l’altro ieri mattina, si è giunta alla sentenza di primo grado.

Dov'è successo?

18/10/2021 

Sanità

Asl T04, al via all’ospedale di Ivrea il progetto pilota dell’Ambulatorio “Percorso Menopausa”

Oggi lunedì 18 ottobre, in occasione della Giornata Mondiale della Menopausa, prende avvio, nell’ambito del Dipartimento […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Cronaca

Mauro Fava lascia il Consiglio Metropolitano: “In 5 anni abbiamo fatto più che nei 20 precedenti”

Le elezioni di Cuorgnè hanno portato al rinnovamento del Consiglio comunale, del quale non farà più […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Cronaca

Colleretto Giacosa: lavoratori senza Green pass e carenze igienico sanitarie. Chiuso ristorante per 5 giorni

Nella serata di sabato 16 ottobre, i carabinieri della Compagnia di Ivrea unitamente al Nas di […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: curva in calo. Oggi 102 nuovi contagi. Quattro i decessi. 134 i pazienti guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, lunedì 18 ottobre l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

17/10/2021 

Cronaca

Ceresole-Groscavallo: i due Comuni rinnovano sul Colle della Crocetta il patto di fratellanza

Anche quest’anno, nella giornata di oggi – domenica 17 ottobre – si è tenuto l’ormai tradizionale […]

leggi tutto...

16/10/2021 

Cronaca

Pont: pensionata di 78 anni va in cerca di funghi e si perde nel bosco. Ritrovata dai soccorritori

Era uscita di casa in cerca di castagne quando a un certo punto ha smarrito l’orientamento […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy