Neonato morto a Settimo: i giudici del tribunale del Riesame negano gli arresti domiciliari alla madre

Settimo Torinese

/

21/08/2017

CONDIVIDI

L'indagata si trova attualmente in carcere, e aveva chiesto di poter stare con l'altra figlia. La procura di Ivrea ritiene che la donna possa ancora essere pericolosa

Valentina Ventura, 34 anni, la mamma settimese accusata di aver gettato dal balcone il bimbo partorito durante la notte deve restare in carcere: lo ha deciso il tribunale del Riesame al quale si era rivolto il legale della donna indagata che chiedeva di essere messa agli arresti domiciliari per poter stare con la figlia più grande.

I giudici togati hanno accolto la tesi esposta dalla procura di Ivrea, secondo la quale la donna (che sostiene di non ricordare nulla di quanto è successo dopo il parto), potrebbe reiterare il reato.

Valentina Ventura è accusata di aver commesso, nello scorso mese di maggio, un delitto orrendo: il piccolo che l’esame del Dna ha rivelato essere il frutto di una relazione extraconiugale, era stato buttato dal balcone al terzo piano dell’edificio in via Petrarca dove la donna abitava con il marito e la figlia: soccorso da un netturbino era spirato due ore dopo all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino.

Medici e infermieri che avevano tentato di tutto per salvare la vita del neonato, senza però riuscirvi, lo avevano chiamato Giovanni.

Il piccolo riposa nel cimitero di Settimo Torinese: a farsi carico del funerale e dell’inumazione era stato il Comune. Le indagini della procura eporediese sono in corso e i magistrati in questa fase, preferiscono mantenere il stretto riserbo.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/08/2019

Vestignè: esce dal cortile va in strada e viene travolto da un’auto. Bimbo di 5 anni grave in ospedale

Travolto da una Fiat Punto mentre si trovava sulla strada: un bambino di cinque anni di […]

leggi tutto...

17/08/2019

La vergogna del “Ponte Preti”: dopo tante promesse di interventi tutto è come prima

E’ trascorso un anno da quando il senatore castellamontese Eugenio Bozzello indisse una raccolta di firme […]

leggi tutto...

17/08/2019

Scatta l’allarme al canile di Caluso per sedici cani ammalati di leptospirosi. Due sono deceduti

Tra i 32 cani provenienti da un’azienda agricola della Val di Chy, alcuni erano affetti da […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy