07/07/2015

Economia

Turismo, Agliè e Venaria come i castelli della Loira

Agliè

/
CONDIVIDI

Sono state dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, eppure fino ad adesso sono state sottovalutate e non valorizzate come meritano, non solo perché rappresentano il simbolo storico dell’epopea che ha portato all’Unità d’Italia, ma anche perché alla loro realizzazione hanno lavorato gli architetti e gli artisti più famosi del Settecento e dell’Ottocento. Le residenze sabaude, finalmente diventano parte di un unico circuito turistico integrato. Che cosa vuol dire? Che, grazie al progetto ideato e provato dal direttore della Reggia di Venaria Mario Turetta, sarà possibile visitare e ammirare le residenze sabaude utilizzando  un unico biglietto e un unico brand. L’obiettivo: unire e valorizzare le attrattive del territorio canavesano per realizzare una veduta d0insieme.

Un po’ come hanno fatto, già da qualche decennio i francesi con i famosi castelli della Loira, meta assidua, ogni anno, di milioni di visitatori. Con il medesimo biglietto sarà possibile visitare il Palazzo Reale di Torino, Palazzo Madama, il castello di Racconigi, la Palazzina di caccia di Stpinigi e il castello Ducale di Agliè. L’iniziativa, unica nel suo genere in tutta Italia, è coordinata dal Ministero dei Beni Culturali dal Comune di Torino, dalla regione Piemonte e dalla Fondazione Compagnia di San Paolo.

Sede del coordinamento sarà proprio Venaria. Va da sé che la realizzazione del circuito integrato richiede un po’ di tempo per la sua realizzazione. Almeno un anno dicono. Ma alla fine, i turisti potranno fare affidamento su un sistema più efficiente di mezzi pubblici e sulla possibilità di poter acquistare un abbonamento che consenta l’accesso a tutte le sette residenze sabaude presenti sul territorio regionale.

L’iniziativa fa parte del progetto di valorizzazione di un patrimonio che è ancora sconosciuto a molti, in special modo ai piemontesi. Un’iniziativa che si potrebbe estendere a tutte le antiche e storiche dimore della Regione e che sia legata anche alla riscoperta della trazione eno-gastronomica piemontese.

Un modo efficace affinché il turismo organizzato e razionalizzato, contribuisca alla crescita economica di un indotto ancora troppo asfittico.

Dov'è successo?

16/04/2021 

Cronaca

Rivarolo: domani, sabato 17 aprile, l’ultimo saluto ai coniugi Dighera. Domenica 18 è lutto cittadino

La Comunità di Rivarolo Canavese saluterà per l’ultima volta Osvaldo Dighera e la moglie Liliana Heidempergher […]

leggi tutto...

15/04/2021 

Sanità

L’ozonoterapia per i pazienti affetti da Covid. L’assessore Icardi: “Effetti benefici evidenti”

“Recenti articoli suggeriscono la possibilità che l’ozonoterapia sistemica sia un efficace supporto in fase precoce della […]

leggi tutto...

15/04/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 1.264 nuovi contagi e 26 i decessi. I pazienti guariti sono 2.155 rispetto a ieri

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 17,00 di oggi, giovedì 15 aprile, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

15/04/2021 

Cronaca

Strada provinciale di Canischio: al via i lavori di consolidamento sulla frana causata dal maltempo

Sono stati consegnati i lavori di completamento per il consolidamento della frana causata dalle forti piogge […]

leggi tutto...

15/04/2021 

Sanità

Covid: stabile il numero dei ricoverati negli ospedali dell’Asl. Cala la pressione sui pronto soccorso

La pandemia di Coronavirus corre ancora ma negli ospedali canavesani che fanno capo all’Asl T04 la […]

leggi tutto...

15/04/2021 

Cronaca

Strage di Rivarolo: emergono nuovi dettagli. Il pensionato aveva ucciso figlio e moglie al mattino

L’esame autoptico effettuato dal medico legale Roberto Testi e disposto dalla procura di Ivrea sulle salme […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy