14/10/2015

Economia

Sparone, è allarme per il futuro dell’ex Ims. Oggi sciopero di due ore

Sparone Canavese

/
CONDIVIDI

Le voci che circolano (non ufficialmente confermate) sulla presunta chiusura dello stabilimento dell’ex Ims di Sparone, evocano oscuri scenari e preoccupano non poco i 210 dipendenti che oggi hanno deciso di incrociare per due ore le braccia. Un gesto dimostrativo che dà la dimensione di quanto siano forti i timori dei lavoratori in un momento in cui le attività produttive della Valle Orco sono state letteralmente falcidiate dalla recessione economica. Timori che la Fim-Cisl di Torino e Canavese condivide pienamente.

L’ex Ims, oggi Mdt, possiede due impianti produttivi: uno a Sparone a l’altro a Druento che occupano 350 persone. All’inizio di quest’anno è stata rilevata dal Gruppo Tiberina di Roma che di fatto ha salvato la società dal fallimento. Un’operazione condivisa da tutte le Rsu ma non dalla Fiom territoriale. A suo tempo nell’accorso sottoscritto tra la nuova proprietà e le organizzazioni sindacali, era previsto il pagamento dei debiti accumulati dalla gestione precedente e nuovi investimenti per rilanciare l’attività industriale. Poi i primi segnali preoccupanti: per far fronte a nuovi carichi produttivi ha deciso, unilateralmente il trasferimento di una ventina di dipendenti da Sparone a Druento.

Una decisione che ha creato notevoli disagi, anche dal punto di vista famigliare, ai dipendenti interessati. La Fim-Cisl non intende sottovalutare la situazione e ha chiesto un incontro urgente con l’assessore al Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero. Il Motivo? Fare chiarezza una volte per tutte, in una sede istituzionale, sugli effettivi carichi di lavoro dei due siti produttivi. In allarme anche la Fiom-Cgil che la scorsa settimana ha incontrato molti sindaci del territorio interessato. I timori permangono, almeno fino a quando lavoratori e organizzazioni sindacali non saranno rassicurati in modo definitivo.

Dov'è successo?

29/10/2020 

Sanità

Emergenza Covid: l’Esercito potenzia gli ospedali del Piemonte con tensostrutture sanitarie esterne

La collaborazione tra la Regione Piemonte, le Forze Armate e la Brigata Alpina “Taurinense”, nell’ambito del […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Sanità

Cuorgnè, sulla chiusura del pronto soccorso la Lega assicura: “Scelta non irreversibile”

I consiglieri regionali della Lega Salvini Piemonte eletti nei territori del Torinese e del Canavese rassicurano […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Sanità

Covid: ospedale di Chivasso in tilt. Pronto soccorso al collasso. Gravi criticità in tutta l’Asl T04

Nell’arco di neanche un giorno il pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso è andato letteralmente in tilt. […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Cronaca

Covid, il Canavese nel caos per i tamponi. Avetta (Pd): “Non si può scaricare tutto sulle spalle dei sindaci”

Un’emergenza è un’emergenza. E per contrastarla occorrono misure eccezionali. Non si può scaricare tutto sulle spalle […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Sanità

Rivarolo: 91 i casi positivi al Covid. Il sindaco Rostagno: “Siamo in una fase sanitaria critica”

Su 1.857 tamponi eseguiti, dall’inizio della pandemia ad oggi, a Rivarolo Canavese sono attualmente presenti 91 […]

leggi tutto...

28/10/2020 

Sanità

Covid, i sindacati dei medici e degli infermieri: “Si faccia subito un’area di degenza extra ospedaliera”

L’Anaao-Assomed, l’associazione dei medici dirigenti e il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche hanno espresso, in […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy