14/10/2015

Economia

Sparone, è allarme per il futuro dell’ex Ims. Oggi sciopero di due ore

Sparone Canavese

/
CONDIVIDI

Le voci che circolano (non ufficialmente confermate) sulla presunta chiusura dello stabilimento dell’ex Ims di Sparone, evocano oscuri scenari e preoccupano non poco i 210 dipendenti che oggi hanno deciso di incrociare per due ore le braccia. Un gesto dimostrativo che dà la dimensione di quanto siano forti i timori dei lavoratori in un momento in cui le attività produttive della Valle Orco sono state letteralmente falcidiate dalla recessione economica. Timori che la Fim-Cisl di Torino e Canavese condivide pienamente.

L’ex Ims, oggi Mdt, possiede due impianti produttivi: uno a Sparone a l’altro a Druento che occupano 350 persone. All’inizio di quest’anno è stata rilevata dal Gruppo Tiberina di Roma che di fatto ha salvato la società dal fallimento. Un’operazione condivisa da tutte le Rsu ma non dalla Fiom territoriale. A suo tempo nell’accorso sottoscritto tra la nuova proprietà e le organizzazioni sindacali, era previsto il pagamento dei debiti accumulati dalla gestione precedente e nuovi investimenti per rilanciare l’attività industriale. Poi i primi segnali preoccupanti: per far fronte a nuovi carichi produttivi ha deciso, unilateralmente il trasferimento di una ventina di dipendenti da Sparone a Druento.

Una decisione che ha creato notevoli disagi, anche dal punto di vista famigliare, ai dipendenti interessati. La Fim-Cisl non intende sottovalutare la situazione e ha chiesto un incontro urgente con l’assessore al Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero. Il Motivo? Fare chiarezza una volte per tutte, in una sede istituzionale, sugli effettivi carichi di lavoro dei due siti produttivi. In allarme anche la Fiom-Cgil che la scorsa settimana ha incontrato molti sindaci del territorio interessato. I timori permangono, almeno fino a quando lavoratori e organizzazioni sindacali non saranno rassicurati in modo definitivo.

Dov'è successo?

17/05/2021 

Sport

Si conclude la prima parte del Giro d’Italia. Il canavesano d’adozione Egan Bernal è maglia rosa

È di Egan Bernal, il colombiano canavesano d’adozione, la maglia rosa della prima parte del Giro […]

leggi tutto...

17/05/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 207 nuovi casi positivi. La pandemia retrocede. 10 i decessi. Oltre 600 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, lunedì 17 maggio, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

17/05/2021 

Cronaca

Variante alla Sp 460, Mauro Fava (Lega): “Ascolteremo il territorio per migliorare il progetto”

La Giunta regionale ha deliberato lo stanziamento dei 200mila euro, già annunciati, per la nuova progettazione […]

leggi tutto...

17/05/2021 

Cronaca

Previsioni del tempo: ancora clima instabile. Pioggia e sole si alterneranno per tutta la settimana

La terza settimana di maggio si apre con condizioni meteo incerte sul nostro paese: sembrava che […]

leggi tutto...

17/05/2021 

Cronaca

San Giusto Canavese: violento scontro tra due auto nel centro storico. Due donne in ospedale

Due donne ferite in uno scontro tra auto che ha avuto luogo intorno alle 17,00 di […]

leggi tutto...

17/05/2021 

Cronaca

Ristori montagna per la pandemia: quasi 27 milioni al Piemonte per imprese e maestri di sci

Ammonta a 26,8 milioni di euro la quota destinata al Piemonte dalla ripartizione effettuata dalla Conferenza […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy