05/07/2015

Politica

Sindaco mette all’asta una motocicletta per rifare una strada

Colleretto Castelnuovo

/
CONDIVIDI

La storia è troppo ghiotta e originale per non essere raccontata. Soprattutto se a essere protagonista è il sindaco di un piccolo paese della Valle Sacra, Colleretto Castelnuovo che scrive una lettera al presidente del consiglio Matteo Renzi chiedendogli una mano. Aldo Querio Gianetto, è un giovane imprenditore e costruisce pregiate motociclette artigianali, da sempre la sua grande passione.

Da un anno guida l’amministrazione di Colleretto Castelnuovo e da allora si trova alle prese con un problema non da poco: il rifacimento del manto stradale della strada che porta allo splendido Santuario di Santa Elisabetta, collocato in una posizione tale da costituire un belvedere di straordinaria bellezza e dal quale nelle belle giornate lo sguardo spazia fin quasi alla Lombardia e che è un punto di riferimento per gli appassionati di parapendio. E non è tutto: l’amministrazione punta a realizzare una dpista per le discese in mountain bike.

Questo il nodo da sciogliere: il neo sindaco non riesce a trovare i finanziamenti per rimettere in sesto quei sette chilometri di percorso che potrebbero servire a rilanciare il turismo che, soprattutto nei mesi estivi, è percorsa da migliaia di turisti.

Il primo cittadino ha smosso mari e monti, ma dalla Città Metropolitana, nata dalle ceneri della ex Provincia, gli è stato risposto in modo inequivocabile che non si sono soldi e che comunque l’iter burocratico sarebbe troppo lungo.

C’è da scoraggiare qualsiasi sindaco ma Aldo Querio Gianetti su questa vicenda non intende mollare è così ha deciso di fare due cose: scrivere al premier e costruire una delle sue richiestissime motociclette molto simili alle Harley Davidson (che esporta in tutto il mondo) e metterla all’asta per raccogliere fondi. Ma il sindaco sa bene che il ricavato non basterà per rimettere in sesto la strada che porta al Santuario.

Intanto ha deciso di incontrare i colleghi di Rivarolo Canavese Alberto Rostagno e il sindaco della Città Metropolitana Piero Fassino al quale consegnerà la lettera aperta che ha già inviato via mail al primo ministro.

La speranza è che alla fine qualcosa succederà. Magari anche grazie all’aiuto di qualche generoso sponsor.

Dov'è successo?

27/11/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: il contagio continua a correre. Oggi 859 contagi e due decessi. 421 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, sabato 27 novembre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

27/11/2021 

Cronaca

Castellamonte: proseguono i lavori per l’allargamento della strada lungo la “provinciale” di “Campo”

Proseguono i lavori per l’allargamento della strada lungo la strada provinciale 265 C03 di “Campo” dal […]

leggi tutto...

27/11/2021 

Eventi

Il “Centro Famiglie” di Rivarolo Canavese incontra i genitori per esplorare i cambiamenti familiari

Il “Centro Famiglie” di Rivarolo Canavese ha promosso due incontri dedicati all’adolescenza e alle genitorialità presso […]

leggi tutto...

27/11/2021 

Economia

Contributo di 7 milioni dalla Regione alle piccole e medie imprese per rinnovare il parco veicoli

Le micro, piccole e medie aziende con un’unità operativa attiva in Piemonte e che sono iscritte […]

leggi tutto...

27/11/2021 

Cronaca

Autostrada Torino-Milano: camion va a fuoco durante la marcia. Cinque ore per domare le fiamme

Notte d’inferno sull’autostrada A4 Torino-Milano nel tratto di strada compreso tra i centri abitati di Settimo […]

leggi tutto...

26/11/2021 

Eventi

Rivarolo Canavese: la mostra fotografica all’aperto “R-Esistiamo” diventa la cronistoria del Covid

Immagini eloquenti, a volte crude, impietose ma soprattutto umane: sono quelle scattate dal fotografo valperghese Piero […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy