07/10/2015

Cronaca

Rivarolo-Cuorgnè: pompieri volontari fermi per i mezzi guasti. E nessuno interviene

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

Sono volontari. Dedicano buona parte del loro tempo a salvare le vite altrui. E adesso sono costretti, se vogliono continuare nella loro meritoria opera di soccorso, a chiedere l’aiuto dei cittadini per far riparare i mezzi che necessitano di urgenti e indifferibili riparazioni. In fondo si tratta soltanto di qualche migliaio di euro: niente, se si pensa al valore di una vita salvata durante un incendio o un incidente di qualsiasi genere.

I Vigili del fuoco volontari di Rivarolo e Cuorgnè sono accomunati dalla stessa problematica: devono svolgere servizio su mezzi ormai inadeguati e vetusti che hanno bisogno di continue riparazioni. E così si organizzano feste, manifestazioni di solidarietà per raccogliere fondi per dare continuità a questo importante servizio. Ai pompieri servono oltre 10mila euro per risolvere il problema che blocca l’autobotte. E tremila euro servono ai colleghi di Cuorgnè che eseguono quotidianamente interventi in una vasta zona che comprende i comuni di San Colombano Belmonte, Valperga, Pratiglione, Prascorsano e Pertusio.

Allo stato attuale delle cose, in caso di una urgente richiesta di intervento è necessario telefonare al 115 e attendere una squadra di Vigili del fuoco effettivi provenienti da Ivrea. E’ facile immaginare che la tempistica d’intervento si dilata. E se si considera il fatto che a volte basta una manciata di minuti per salvare o perdere una vita, si comprende l’importanza del problema. I volontari di Cuorgnè sono così ligi al loro dovere che di recente hanno inviato una lettera a oltre 20 comuni per chiedere aiuto alle istituzioni: la guarnizione della pompa del camion Aps deve essere sostituita. Risultato? A rispondere è stata una piccola minoranza di comuni e nessuno ha stanziato anche un solo centesimo.

Bell’esempio di solidarietà e di gratitudine nei confronti di chi rischia giorno e notte la propria vita per quella altrui. In ogni caso, se nessuno interverrà, a mettere mano al portafoglio, ancora una volta, dovranno essere i volontari. Se non è una vergogna questa…

Dov'è successo?

21/10/2020 

Eventi

Canavese: “DiscoVintage” sulla cresta dell’onda torna a trasmettere dai microfoni di Radio Alfa

L’Associazione di Dj e Speaker che operarono dal Canavese, si arricchisce di un nuovo componente, Beppe […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: sette i decessi e record di contagi (+1.799 rispetto a ieri). In aumento i ricoveri

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.613 (+ […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Canavese: derubavano anziani soli. Sgominata dalla polizia una banda di ladri e truffatori

Agivano tra le province di Torino, Cuneo e in Val d’Aosta e si presume siano autori […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Rondissone, mezzi pesanti in sosta lungo la strada e rifiuti: Amazon disponibile a eliminare i problemi

Amazon si è resa disponibile a limitare i problemi legati allo stazionamento dei mezzi pesanti sulla […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Trasporti pubblici in sciopero: venerdì “caldo” per studenti e pendolari. Disagi anche nella Sanità

Venerdì 23 ottobre le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, O.S. Ugl Autoferrotranvieri e dalla Rsu del personale […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

La città Metropolitana: “Il Ponte Preti si farà. Fondi per 19,5 milioni. Prosegue la progettazione”

Non è in discussione la realizzazione di una nuova struttura che sostituisca il Ponte Preti, sulla […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy