22/09/2015

Economia

Rivarolo, comune “virtuoso” nel pagamento dei fornitori

Rivarolo Canavese

/
CONDIVIDI

Non è entrato nella classifica generale del Ministero dell’Economia per un soffio: o meglio per una manciata di fatture. Ma anche quello di Rivarolo Canavese è un comune virtuoso nei pagamenti dei fornitori. Diciassette giorni medi nel 2014 e 25 giorni nel secondo trimestre del 2015 anche con l’avvento della fatturazione digitale che, a onor del vero ha complicato le cose.

“Non siamo stati inseriti tra i cento comuni italiani più puntuali nei pagamenti per una sola ragione: rispetto ad altri enti locali siamo al di sotto della soglia delle mille fatture annue pagate – spiega il sindaco di Rivarolo Alberto Rostagno -. Ma l’amministrazione, fin dall’inizio del suo mandato si è posta l’obiettivo, fra gli altri, di non far attendere il corrispettivo ai fornitori. Chi ha lavorato per l’ente pubblico ha diritto di essere pagato nei sessanta giorni stabiliti dalla legge e noi liquidiamo le fatture nel piùbreve tempo possibile  proprio in virtù del rispetto che nutriamo verso le aziende e le società che lavorano per il Comune”.

Nel primo trimestre del 2015, nel momento in cui è entrata in vigore la fatturazione digitale, dai tredici giorni del 2014 si era passati a 36 giorni. “La fatturazione elettronica è caratterizzata da un meccanismo così complicato che all’inizio abbiamo dovuto dilatare, rispetto al solito, la procedura di pagamento – sottolinea Domenico Farina responsabile della ragionieria e dei servizi finanziari -. A conti fatti direi che, rispetto a tantissimi altri comuni, nel nostro piccolo, siamo un passo avanti. Se non fosse stato perché non superiamo la soglia delle mille fatture annue, saremmo sicuramente entrati anche noi nella classifica dei comuni virtuosi stilata dal ministero. In ogni caso la nostra puntualità è stata premiata con un bonus, per quanto minimo, che l’amministrazione potrà investire come meglio riterrà opportuno”.

Va precisato che il pagamento dei fornitori avviene non dal momento in cui viene emessa la fattura ma da quello in cui il documento finanziario viene protocollato in comune. “Teniamo molto alla puntualità – conclude Alberto Rostagno – e non solo per le ragioni che ho spiegato prima. Nell’ottica della trasparenza, la precisione dà la dimensione del comportamento amministrativo dell’ente locale”.

23/04/2021 

Cronaca

Strage di Rivarolo: Tarabella interrogato dai magistrati che cercano di far luce sull’efferato delitto

La solitudine, l’impegno per il figlio disabile, il forte senso di abbandono provato, la malattia della […]

leggi tutto...

23/04/2021 

Politica

Riaperture in Piemonte, i consiglieri regionali Valle e Rossi (Pd): “Covid, priorità alla scuola”

Il gruppo di indagine regionale sul Covid 19 ha esaminato le prime risultanze della sperimentazione “Scuola […]

leggi tutto...

23/04/2021 

Cronaca

Il trattore si ribalta e schiaccia il conducente. Nell’incidente muore un 53enne di Lanzo

È morto sul colpo Sergio Bellezza Oddon l’imprenditore agricolo cinquantatreenne di Lanzo che è stato vittima, […]

leggi tutto...

23/04/2021 

Economia

Scarmagno: la Italvolt punta a uno stabilimento con 4mila addetti per far rivivere il sogno di Olivetti

Nel corso della sua visita in Canavese la delegazione regionale guidata dal presidente della Regione Alberto […]

leggi tutto...

23/04/2021 

Economia

Canavese, il presidente della Regione Alberto Cirio visita l’eccellenza dell’industria territoriale

È stata una giornata tutta canavesana, quella di ieri, giovedì 22 aprile, per il presidente della […]

leggi tutto...

22/04/2021 

Sanità

Emergenza Covid in Piemonte: oggi 1.464 nuovi casi positivi e 46 i morti. In aumento i guariti (+ 2.114)

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, giovedì 22 aprile l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy