14/11/2023

Sanità

Gli infermieri scendono in piazza. Il Nursind: “No ai contratti senza rinnovi e al taglio delle pensioni”

Canavese

/
CONDIVIDI

Gli infermieri scendono in piazza. Il Nursind: “No ai contratti senza rinnovi e al taglio delle pensioni”

Gli infermieri protestano contro il taglio delle pensioni e la mancanza di risorse per i salari. La categoria, che ha affrontato la scorsa pandemia con dedizione e sacrificio, si sente tradita dal Governo che ha previsto un taglio delle pensioni e non ha destinato fondi per il rinnovo dei contratti. Si tratta di una misura ingiusta e insostenibile, che colpisce chi ha garantito la continuità assistenziale in un momento di emergenza sanitaria e che ora si vede privato dei diritti acquisiti con anni di lavoro.

Per questo motivo, il venerdì 17 novembre avrà luogo uno sciopero nazionale degli infermieri, con iniziative di protesta in tutte le regioni italiane. A Torino, il presidio si terrà in Piazza Castello a partire dalle ore 10.00, organizzato dal sindacato NurSind, la più grande rappresentanza sindacale infermieristica italiana.

La situazione degli infermieri è critica anche per il futuro, visto che il Governo punta a reclutare personale straniero, invece di valorizzare quello nazionale, che spesso emigra all’estero in cerca di migliori condizioni di lavoro. Inoltre, il sistema sanitario si regge sulle prestazioni aggiuntive e sugli straordinari degli infermieri, che non hanno nemmeno la possibilità di godere delle ferie arretrate. Questo provoca un forte stress e una riduzione della qualità dell’assistenza.

“Tutto questo senza tener conto dei numerosi licenziamenti volontari. Solo in Piemonte un infermiere al giorno rassegna le proprie dimissioni per andare a fare altro nella vita, evidentemente non basta come campanello di allarme” spiega il segretario regionale del Nursind Francesco Coppolella.

A ciò si aggiunge il calo delle iscrizioni al corso di laurea in infermieristica e le uscite anticipate per pensionamento, che determinano una carenza di personale qualificato. Infine, molti infermieri decidono di lasciare la professione per cambiare vita, stanchi di lavorare in condizioni non adeguate.

Gli infermieri chiedono al Governo di rivedere la manovra e la legge di bilancio, riconoscendo le risorse necessarie per garantire la dignità e la sicurezza della categoria, che svolge un ruolo fondamentale per la salute dei cittadini.

13/06/2024 

Cronaca

Chivasso: entra in vigore da luglio il Regolamento contro l’evasione dei tributi locali

Chivasso: entra in vigore da luglio il Regolamento contro l’evasione dei tributi locali Entrerà in vigore […]

leggi tutto...

13/06/2024 

Cronaca

Dramma a San Carlo Canavese: operatore ecologico cade dal camion dei rifiuti. È grave al Cto

Dramma a San Carlo Canavese: operatore ecologico cade dal camion dei rifiuti. È grave al Cto […]

leggi tutto...

13/06/2024 

Cronaca

La città di Chivasso in lutto per la scomparsa a 89 anni dell’ex sindaco Francesco Lacelli

La città di Chivasso in lutto per la scomparsa a 89 anni dell’ex sindaco Francesco Lacelli […]

leggi tutto...

13/06/2024 

Sanità

Favria: serata informativa al Salone polivalente sulla prevenzione dell’ictus, infarto e arresto cardiaco

Favria: serata informativa al Salone polivalente sulla prevenzione dell’ictus, infarto e arresto cardiaco Il Comune di […]

leggi tutto...

13/06/2024 

Cronaca

Cuorgnè: alla “Mastropietro Onlus” la gestione della villa appartenuta al boss Giovanni Iaria

Cuorgnè: alla “Mastropietro Onlus” la gestione della villa appartenuta al boss Giovanni Iaria Dopo una lunga […]

leggi tutto...

13/06/2024 

Cronaca

Previsioni meteo: domani, venerdì 14 giugno, giornata instabile e nuvolosa ma senza temporali

Queste le previsioni del tempo per domani, venerdì 14 giugno, elaborate dal centrometeoitaliano.it NAZIONALE AL NORD […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy