15/07/2015

Economia

Occupazione in Canavese, si va verso una significativa “ripresina”

Canavese

/
CONDIVIDI

Una piccola ripresa. Anzi una modesta “ripresina” dell’economia territoriale che lascia ben sperare, per quanto concerne il lavoro, per il prossimo triennio. I dati diffusi dall’Agenzia Piemonte Lavoro relativi all’andamento dell’occupazione, ricavati da quelli forniti dai Centri dell’Impiego di Chivasso, Ciriè, Cuorgnè e Ivrea, dal gennaio 2014 al mese di maggio del 2015, parlano chiaro.

Si tratta, è doveroso precisarlo di segnali incoraggianti che vanno comunque valutati con la dovuta attenzione. In definitiva: l’elaborazione compiuta dall’Agenzia Piemonte Lavoro, mostra segnali incoraggianti che in qualche modo si affiancano agli economici compiuti da Confindustria: il Pil (prodotto interno lordo) cresce seppur lentamente e, parallelamente riparte anche la domanda di lavoro.

Le previsioni sono cautamente ottimistiche: la tendenza dovrebbe ulteriormente consolidarsi i modo progressivo nel secondo semestre del 2015 e per tutto il 2016. Nonostante tutto, ed bene chiarirlo, la moderata crescita occupazionale non compenserà rapidamente la perdita dei posti di lavoro che si è verificata negli ultimi anni.

Merito del Jobs Act, varato dal governo? Difficile dirlo. Gli effetti degli sgravi contributivi sono ancora tutte da verificare. In ogni caso, stando ai dati forniti dall’Inps, in Italia le assunzioni a tempo indeterminato hanno superato la soglia del 31,4% (rispetto allo stesso periodo del 2014) e le trasformazioni hanno registrato un aumento del 23,4%.

Per quanto riguarda il Canavese, la situazione appare incoraggiante, nonostante gli effetti della crisi economica siano stati più che preoccupanti. Il raffronto tra gli iscritti ai Centri per l’Impiego e il numero delle persone avviate al lavoro mostrano una lieve inversione di tendenza rispetto al passato: su 13 mila 956 iscritti il numero degli avviamenti al lavoro sono stati 30mila 919. I contrati a tempo indeterminato passano invece dal 16% del 204 a 24% dei primi mesi di quest’anno. Gli avviamenti al lavoro riguardano in prevalenza i giovani compresi nella fascia d’età tra i 15 e i 29 anni.

La diversificazione dei comparti è relativa alle caratteristiche del settore manifatturiero territoriale. Qualche esempio: nella zona di Cuorgnè il 47% degli avviamenti ha avuto luogo nel settore manifatturiero, in percentuale nettamente superiore rispetto a quello di Chivasso e Ciriè (27%) e Ivrea (28%). Per quanto concerne il comparto dell’Istruzione, sanità e assistenza sociale il Ciriacese ha registrato una percentuale di gran lunga superiore a quella delle altre aree (+28%). Positivo il commento del presidente di Confindustria Canavese Fabrizio Gea.

Troppo presto per parlare di una netta inversione di tendenza, ma i numeri dimostrano che il Canavese possiede ancora la capacità di reagire alla crisi creando nel contempo un lieve miglioramento della situazione occupazionale.

 

10/04/2021 

Sanità

Covid: da lunedì 12 aprile la provincia di Torino tornerà in zona arancione. Riaprono i negozi e scuole

Gli esperti e gli epidemiologi dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, convocati per le 13,00 di […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Sanità

Emergenza Covid in Piemonte: oggi 1.267 nuovi casi positivi e 22 decessi. In calo i ricoveri

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, sabato 10 aprile, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Sanità

Leinì, alla Cittadella dello Sport il nuovo Centro vaccinale. L’Asl accoglie la proposta del Comune

Il Commissario dell’Asl T04, Luigi Vercellino, ha comunicato alla Conferenza dei sindaci canavesani la nuova ubicazione […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Cronaca

Chivasso: clienti nel bar. Multate 32 persone. Chiesta alla Prefettura la sospensione della licenza

Nell’ambito dei servizi di controllo disposti dal Comando Provinciale per verificare il rispetto delle norme anti […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Cronaca

Rivarolo: “Il lavoro è dignità, non carità”. Protesta degli ambulanti in piazza Massoglia

Hanno manifestato per chiedere non la carità ma di poter continuare a lavorare. Sono gli ambulanti […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Cronaca

Caselle, rovinato per aver denunciato la ‘ndrangheta. Esposito: “Avrei fatto meglio a far finta di niente”

Denunciare la ‘ndrangheta? All’architetto e ingegnere di Caselle Mauro Esposito pareva la cosa giusta da fare […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy