04/04/2024

Cronaca

Mensa dell’Asl T04: il 90% dei dipendenti boccia il servizio. Il cibo è spesso mal cotto e deteriorato

Canavese

/
CONDIVIDI

In un’indagine interna condotta recentemente, è emerso un profondo malcontento tra i dipendenti di dell’Asl T04 riguardo la qualità del servizio mensa. Dopo molteplici segnalazioni, è stato promosso un sondaggio che ha coinvolto 500 lavoratori, rivelando che il 90% di essi disapprova fortemente il servizio offerto. La qualità del cibo è stata giudicata scarsa dal 74% dei partecipanti, mediocre dal 22%, e solo una minima percentuale, il 3%, l’ha considerata buona. Anche la quantità delle porzioni è stata oggetto di critica, con il 60% dei dipendenti che la ritiene insufficiente.

Giuseppe Summa, rappresentante sindacale, ha dichiarato che la qualità del servizio è drasticamente peggiorata dopo il periodo pandemico, con circa il 77% dei dipendenti che conferma tale tendenza. Il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, aveva già sollevato preoccupazioni nel 2022, ma la situazione attuale è giudicata inaccettabile sia per i dipendenti che per i pazienti ricoverati, che usufruiscono dello stesso servizio.

“Il disagio è tale che metà del personale preferisce portare il proprio cibo da casa, sostenendo costi aggiuntivi, e il 90% opterebbe per un buono pasto in alternativa al servizio mensa – afferma l’esponente sindacale -. Di fronte a questa situazione, le organizzazioni sindacali hanno richiesto l’urgente convocazione di una commissione mensa bilaterale, che includa anche i responsabili della ditta fornitrice del servizio. Questo strumento, utilizzato in passato, prevedeva anche il coinvolgimento del Tribunale dei diritti del malato, sottolineando l’importanza di una gestione trasparente e partecipativa del servizio”.

Nella sostanza le lamentele non si limitano alla qualità e quantità del cibo, ma includono anche la preparazione dei pasti, con segnalazioni di pasta cruda o troppo cotta, riso incollato, patate crude, pesce di scarsa qualità, spezzatino bruciato e carne eccessivamente dura. In alcuni casi, sono stati segnalati anche cibi deteriorati, come budino con muffa e frutta marcia. Queste condizioni sono particolarmente gravi in presenza di patologie o intolleranze alimentari, dove la mancanza di attenzione alle esigenze specifiche può avere conseguenze serie sulla salute delle persone.

“Per non parlare delle criticità in caso di patologie o intolleranze, dove non si parla solo di un problema di gusto, ma di rischio per la salute. Una dipendente affetta da favismo, ha dovuto rinunciare alla mensa.
Per i celiaci per esempio, la pasta viene prodotta con diversi giorni di anticipo. Il cibo ha un’importanza enorme sul benessere della persona in generale e nel caso dei pazienti, risulta fondamentale.Incide sul benessere o malessere degli stessi, che se ben alimentati possono ridurre i tempi di degenza e tornare più in fretta alla loro vita – conclude Giuseppe Summa -. Investire su una nuova strategia per migliorare questo aspetto non è solo auspicabile, ma necessario. Stesso discorso vale ovviamente anche per i dipendenti che passano più della metà dell’anno all’interno del luogo di lavoro e che consumano numerosi pasti.

L’ospedale dovrebbe essere il primo luogo ad avere una responsabilità educativa verso uno stile di vita e un’alimentazione più sana nel quotidiano. Auspichiamo pertanto che la Direzione intervenga urgentemente, senza dimenticare che persistono ancora numerosi disagi, anche per i dipendenti fruitori dei buoni pasto”.

16/07/2024 

Cronaca

Chivasso, al via il cantiere per il recupero del “Cinecittà”. Costerà 3,5 milioni di euro

Chivasso, al via il cantiere per il recupero del “Cinecittà”. Costerà 3,5 milioni di euro Il […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Sanità

Ciriè: il progetto dell’Asl T04 “Accoglienza nel Colore” umanizza l’ospedale cittadino

Ciriè: il progetto dell’Asl T04 “Accoglienza nel Colore” umanizza l’ospedale cittadino Nel pomeriggio di ieri, lunedì […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Eventi

Agliè: spettacolo multimediale di “DiscoVintage” a favore dell’asilo Regina Maria Cristina

Agliè: spettacolo multimediale di “DiscoVintage” a favore dell’asilo Regina Maria Cristina Venerdì 26 luglio alle ore […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Cronaca

Pavone Canavese: truffava gli anziani spacciandosi per tecnico dell’acqua e figlio di un maresciallo

Pavone Canavese: truffava gli anziani spacciandosi per tecnico dell’acqua e figlio di un maresciallo Un uomo […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Cronaca

Ciriè, cinquantenne litiga con il personale e Cis e danneggia gli arredi. Arrestata dai carabinieri

Ciriè, cinquantenne litiga con il personale e Cis e danneggia gli arredi. Arrestata dai carabinieri Nei […]

leggi tutto...

16/07/2024 

Cronaca

Previsioni meteo: torna il caldo africano. Temperature in graduale aumento in tutto il Canavese

Queste le previsioni del tempo per domani, mercoledì 17 luglio, elaborate dal centrometeoitaliano.it: NAZIONALE AL NORD […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy