04/04/2024

Cronaca

Mensa dell’Asl T04: il 90% dei dipendenti boccia il servizio. Il cibo è spesso mal cotto e deteriorato

Canavese

/
CONDIVIDI

In un’indagine interna condotta recentemente, è emerso un profondo malcontento tra i dipendenti di dell’Asl T04 riguardo la qualità del servizio mensa. Dopo molteplici segnalazioni, è stato promosso un sondaggio che ha coinvolto 500 lavoratori, rivelando che il 90% di essi disapprova fortemente il servizio offerto. La qualità del cibo è stata giudicata scarsa dal 74% dei partecipanti, mediocre dal 22%, e solo una minima percentuale, il 3%, l’ha considerata buona. Anche la quantità delle porzioni è stata oggetto di critica, con il 60% dei dipendenti che la ritiene insufficiente.

Giuseppe Summa, rappresentante sindacale, ha dichiarato che la qualità del servizio è drasticamente peggiorata dopo il periodo pandemico, con circa il 77% dei dipendenti che conferma tale tendenza. Il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, aveva già sollevato preoccupazioni nel 2022, ma la situazione attuale è giudicata inaccettabile sia per i dipendenti che per i pazienti ricoverati, che usufruiscono dello stesso servizio.

“Il disagio è tale che metà del personale preferisce portare il proprio cibo da casa, sostenendo costi aggiuntivi, e il 90% opterebbe per un buono pasto in alternativa al servizio mensa – afferma l’esponente sindacale -. Di fronte a questa situazione, le organizzazioni sindacali hanno richiesto l’urgente convocazione di una commissione mensa bilaterale, che includa anche i responsabili della ditta fornitrice del servizio. Questo strumento, utilizzato in passato, prevedeva anche il coinvolgimento del Tribunale dei diritti del malato, sottolineando l’importanza di una gestione trasparente e partecipativa del servizio”.

Nella sostanza le lamentele non si limitano alla qualità e quantità del cibo, ma includono anche la preparazione dei pasti, con segnalazioni di pasta cruda o troppo cotta, riso incollato, patate crude, pesce di scarsa qualità, spezzatino bruciato e carne eccessivamente dura. In alcuni casi, sono stati segnalati anche cibi deteriorati, come budino con muffa e frutta marcia. Queste condizioni sono particolarmente gravi in presenza di patologie o intolleranze alimentari, dove la mancanza di attenzione alle esigenze specifiche può avere conseguenze serie sulla salute delle persone.

“Per non parlare delle criticità in caso di patologie o intolleranze, dove non si parla solo di un problema di gusto, ma di rischio per la salute. Una dipendente affetta da favismo, ha dovuto rinunciare alla mensa.
Per i celiaci per esempio, la pasta viene prodotta con diversi giorni di anticipo. Il cibo ha un’importanza enorme sul benessere della persona in generale e nel caso dei pazienti, risulta fondamentale.Incide sul benessere o malessere degli stessi, che se ben alimentati possono ridurre i tempi di degenza e tornare più in fretta alla loro vita – conclude Giuseppe Summa -. Investire su una nuova strategia per migliorare questo aspetto non è solo auspicabile, ma necessario. Stesso discorso vale ovviamente anche per i dipendenti che passano più della metà dell’anno all’interno del luogo di lavoro e che consumano numerosi pasti.

L’ospedale dovrebbe essere il primo luogo ad avere una responsabilità educativa verso uno stile di vita e un’alimentazione più sana nel quotidiano. Auspichiamo pertanto che la Direzione intervenga urgentemente, senza dimenticare che persistono ancora numerosi disagi, anche per i dipendenti fruitori dei buoni pasto”.

15/04/2024 

Sport

Ozegna: grande partecipazione al primo stage di difesa personale organizzato dall’Usic

Nella mattinata di ieri, domenica 14 aprile, all’interno del palazzetto dello sport del comune di Ozegna, […]

leggi tutto...

15/04/2024 

Cronaca

Previsioni del tempo: dopo l’assaggio estivo, da domani, martedì 16 aprile ritorna la pioggia

Queste le previsioni del tempo per domani, martedì 16 aprile, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Al […]

leggi tutto...

14/04/2024 

Cronaca

Dopo lo scontro con Masina durante il Derby della Mole, il portiere della Juve Szczesny operato a Chivasso

In un drammatico episodio avvenuto durante gli ultimi istanti del derby della Mole, il portiere della […]

leggi tutto...

14/04/2024 

Cronaca

Rivarolo-Pont Canavese: in vista della riapertura soppressi i passaggi a livello e due stazioni

Entro la fine dell’anno si aprirà un nuovo capitolo per la ferrovia Rivarolo-Pont: incontri cruciali tra […]

leggi tutto...

14/04/2024 

Cronaca

Chivasso: sfonda la vetrina di un negozio di abbigliamento per rubare delle scarpe. Arrestato

Dopo aver effettuato un furto notturno, un uomo di 31 anni è stato arrestato per aver […]

leggi tutto...

13/04/2024 

Politica

Mossa a sorpresa del Pd: l’eporediese Mauro Salizzoni sarà capolista del Pd alle prossime regionali

In una mossa strategica che segna una svolta significativa nel panorama politico regionale, il Partito Democratico […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy