27/05/2023

Cronaca

Locana: acquedotto valle Orco, accordo tra Smat e Coldiretti per abbattere il consumo di suolo

Locana

/
CONDIVIDI

Locana: acquedotto valle Orco, accordo tra Smat e Coldiretti per abbattere il consumo di suolo

La Smat ha accolto le richieste di miglioramento del progetto dell’impianto di potabilizzazione di Locana. L’accordo è arrivato nel corso di un faccia a faccia tra Coldiretti Torino, rappresentata dal presidente Bruno Mecca Cici e dal direttore Andrea Repossini, e i vertici della Smat: il presidente Paolo Romano e l’amministratore delegato Armando Quazzo.

L’opera è il cuore del grande progetto di acquedotto della valle Orco e, nella precedente scelta progettuale, avrebbe comportato un eccessivo consumo di suolo agricolo, una difficoltà di accesso ai fondi e uno stravolgimento della rete irrigua. Coldiretti Torino, pur di fronte alla progettazione ormai già in fase esecutiva, aveva chiesto modifiche che garantissero il futuro agricolo di questa che è l’unica piana significativa della valle Orco.

“Abbiamo trovato una grande sensibilità da parte di Smat verso i problemi dell’agricoltura – sottolinea il presidente di Coldiretti Torino, Bruno Mecca Cici – Grazie a questa disponibilità abbiamo convenuto che per il potabilizzatore della valle Orco non si realizzi una nuova viabilità ma si renda carrabile la strada interpoderale. Inoltre, la rete irrigua locale sarà ristrutturata e le particelle espropriate non si porteranno dietro i cosiddetti “reliquati”, cioè micro-appezzamenti inutilizzati: la Smat si è impegnata a stipulare, dopo gli espropri, apposite convenzioni con gli agricoltori interessati per lo sfruttamento agricolo di questi appezzamenti che così non resteranno incolti”.

Nel corso dell’incontro si è discusso anche di rischio siccità. “Presidente e amministratore delegato di Smat hanno prospettato la possibilità di realizzare una grande opera di ulteriore sanificazione delle acque depurate che fuoriescono dal depuratore di Torino a Castiglione torinese, che tratta 120 milioni di metri cubi l’anno di acque reflue. Questa enorme quantità di acqua, una volta abbattuta la carica batterica residua rispettando la nuova normativa europea, potrebbe essere pompata e immessa nella rete irrigua. Un’ipotesi tutta da approfondire ma che è in linea con una visione di utilizzo circolare della risorsa idrica captata e con le richieste di Coldiretti Torino per un uso plurimo delle acque per mettere in sicurezza l’agricoltura sempre più minacciata dalla siccità”.

14/06/2024 

Cultura

Ceresole Reale: ai nastri di partenza una stagione estiva ricca di eventi al suggestivo “Palamila”

Ceresole Reale: ai nastri di partenza una stagione estiva ricca di eventi al suggestivo “Palamila” L’estate […]

leggi tutto...

14/06/2024 

Cronaca

Ivrea: era ricercato da mesi e si nascondeva nel campo nomade. 41enne arrestato da carabinieri e polizia

Ivrea: era ricercato da mesi e si nascondeva nel campo nomadi. 41enne arrestato da carabinieri e […]

leggi tutto...

14/06/2024 

Cronaca

Peste suina, Rossotto (Cia): “Per contenere i cinghiali non serve commissariare Atc e comparti Alpini

Peste suina, Rossotto (Cia): “Per contenere i cinghiali non serve commissariare Atc e comparti Alpini “Chiediamo […]

leggi tutto...

14/06/2024 

Cronaca

Ronco Canavese: il ghiacciaio Ciardoney ai massimi storici. Mai così tanta neve negli ultimi vent’anni

Ronco Canavese: il ghiacciaio Ciardoney ai massimi storici. Mai così tanta neve da vent’anni In un’inversione […]

leggi tutto...

14/06/2024 

Cronaca

Volo in ritardo Ryanair Trapani-Torino Caselle di quasi 7 ore, 250 di euro di rimborso ai passeggeri

Volo in ritardo Ryanair Trapani-Torino Caselle di quasi 7 ore, 250 di euro di rimborso ai […]

leggi tutto...

14/06/2024 

Cronaca

Previsioni meteo: il clima è ancora ancora instabile. Domani, sabato 15 giugno, possibili acquazzoni

Queste le previsioni del tempo per domani, sabato 15 giugno elaborate dal centrometoitaliano.it NAZIONALE   AL […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy