22/02/2023

Cronaca

Leinì, rubava e rivendeva auto di lusso: gli agenti di Polizia gli confiscano beni per 600 mila euro

Leinì

/
CONDIVIDI

Leinì, rubava e rivendeva auto di lusso: gli agenti di Polizia gli confiscano beni per 600 mila euro

Su proposta del Questore di Torino, al termine di un’articolata attività di indagine svolta dalla locale Divisione Polizia Anticrimine, la sezione misure di prevenzione del Tribunale di Torino ha emesso un provvedimento di confisca di un ingente patrimonio accumulato da un 56enne di Leinì, attraverso una documentata attività delittuosa. L’uomo, con diverse condanne definitive a proprio carico per delitti contro il patrimonio, era stato, in tempi più recenti, individuato nell’ambito di un’indagine condotta dalla Polizia Stradale di Torino come appartenente ad una banda dedita al furto e alla ricettazione di autovetture di lusso che, una volta rubate, venivano smontate in varie parti e poi esportate in diversi paesi del Nord Africa. Fatti per i quali l’uomo è stato condannato in primo grado nell’anno 2021 e per il quale vige la presunzione di non colpevolezza sino alla sentenza definitiva.

Tra i beni confiscati, anche la società di autodemolizione, fittiziamente intestata ad un familiare, attraverso la quale il 56enne avrebbe svolto proprio la strutturata attività di furto dei veicoli di lusso.
L’attività della Divisione Polizia Anticrimine ha messo in luce una evidente sperequazione fra l’elevato tenore di vita ostentato dall’uomo ed i redditi dichiarati, in base ai quali rasentava addirittura la soglia di povertà.

Il decreto ha condotto alla confisca, oltre che della società di autodemolizione, anche di una villa sita nel comune di Leinì, del valore di mezzo milione di euro, abitata dal soggetto ma fittiziamente intestata ad un suo familiare, di un’autovettura, di diversi automezzi utilizzati per l’attività di impresa e dei conti correnti alla stessa riconducibili, per un valore complessivo di circa 600 mila euro.
Riconosciuta l’elevata pericolosità sociale del soggetto, il Tribunale di Torino ha inoltre disposto a suo carico la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza per tre anni, con obbligo di dimora nel comune di residenza.

Il provvedimento eseguito conferma l’importanza che rivestono, nell’azione di contrasto alla criminalità, le misure di prevenzione patrimoniali, capaci di sottrarre a soggetti criminali i patrimoni illecitamente accumulati.

24/04/2024 

Economia

Caselle: Turkish Airlines annuncia una nuova rotta per Istanbul. La Turchia adesso è più vicina

Turkish Airlines ha annunciato l’inaugurazione di una nuova rotta aerea che collegherà Torino a Istanbul, a […]

leggi tutto...

24/04/2024 

Sanità

Asl T04: il Nursind abbandona il tavolo sindacale. “La direzione è troppo impegnata con gli show mediatici”

In un clima di crescente tensione, i rappresentanti del Nursind, il sindacato che tutela le professioni […]

leggi tutto...

24/04/2024 

Sanità

Al via il servizio dell’Infermiere di famiglia e dell’Ostetrica di continuità nelle Valli di Lanzo

Le Valli di Lanzo si apprestano a inaugurare un innovativo servizio sanitario che promette di rivoluzionare […]

leggi tutto...

24/04/2024 

Cronaca

Orio Canavese: grave incidente sul lavoro al cantiere dell’acquedotto. Operaio cade si ferisce

Grave incidente sul lavoro avvenuto durante la mattinata di lunedì scorso a Orio Canavese. Un operaio, […]

leggi tutto...

24/04/2024 

Economia

Brandizzo, Decathlon chiude. 125 dipendenti a rischio. Pentenero e Avetta polemici con la Regione

La recente chiusura del polo logistico di Decathlon a Brandizzo ha sollevato nuove preoccupazioni sullo stato […]

leggi tutto...

24/04/2024 

Cronaca

Previsioni del tempo: possibili piogge in arrivo nella notte di domani, giovedì 25 aprile

Queste le previsioni del tempo per domani, giovedì 25 aprile, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Nuvolosità […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy