11/09/2015

Cronaca

Leinì, giovane marocchino accoltellato per un debito di 40 euro

Leinì

/
CONDIVIDI

Quaranta euro non restituiti. Quanto basta per ricevere una coltellata. Vittima dell’aggressione, avvenuta a Leinì, è un marocchino di 27 anni che aveva contratto il debito con un connazionale di 39 anni residente a Leinì. Il ragazzo è stato soccorso dal personale sanitario del 118 e trasportato all’ospedale Giovanni Bosco di Torino dove è stato medicato. Non corre pericolo di vita e se l’è cavata con una decina di giorni di prognosi.

L’aggressore è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Venaria e dovrà rispondere dell’accusa di lesioni personali. Il litigio, degenerato poi in rissa, ha avuto luogo nella serata di mercoledì scorso. Il creditore aveva dato un appuntamento a Volpiano al debitore per farsi restituire i soldi che gli aveva prestato. Il giovane che non disponeva della somma ha rinviato alle 23 della sera stessa. L’appuntamento questa volta era stato fissato a Leinì, nei pressi di un bar. All’appuntamento era presente anche una terza persona di origine marocchina. I tre si ritrovano in strada. Il giovane non possiede i soldi da restituire. Il creditore perde le staffe: dalle parole si spassa agli insulti, poi agli spintoni e alla fine all’aggressione a mano armata.

L’uomo che doveva riscuotere i soldi ha estratto dalla tasca dei pantaloni un coltello a serramanico e ha colpito il ragazzo alla spalla sinistra. Il terzo uomo ha tentato di separarli, ma inutilmente. Qualcuno ha chiamato i carabinieri e l’aggressore è stato arrestato e condotto in caserma. Adesso si trova agli arresti domiciliari. Il terzo uomo, che ha fornito agli uomini dell’Arma versioni contrastanti sull’accaduto è stato denunciato per favoreggiamento.

Dov'è successo?

29/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: 545 nuovi medici scendono in campo pronti ad affrontare l’emergenza

Sono già 545 i medici che, a pochi giorni dalla pubblicazione dell’avviso per la raccolta delle […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Sanità

Coronavirus: 2.585 nuovi casi positivi. 27 i decessi. In aumento i pazienti in terapia intensiva

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che alle 17,30 di oggi, giovedì 29 ottobre, […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Sanità

Emergenza Covid: l’Esercito potenzia gli ospedali del Piemonte con tensostrutture sanitarie esterne

La collaborazione tra la Regione Piemonte, le Forze Armate e la Brigata Alpina “Taurinense”, nell’ambito del […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Sanità

Cuorgnè, sulla chiusura del pronto soccorso la Lega assicura: “Scelta non irreversibile”

I consiglieri regionali della Lega Salvini Piemonte eletti nei territori del Torinese e del Canavese rassicurano […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Sanità

Covid: ospedale di Chivasso in tilt. Pronto soccorso al collasso. Gravi criticità in tutta l’Asl T04

Nell’arco di neanche un giorno il pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso è andato letteralmente in tilt. […]

leggi tutto...

29/10/2020 

Sanità

Rivarolo: 91 i casi positivi al Covid. Il sindaco Rostagno: “Siamo in una fase sanitaria critica”

Su 1.857 tamponi eseguiti, dall’inizio della pandemia ad oggi, a Rivarolo Canavese sono attualmente presenti 91 […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy