02/10/2022

Economia

Lavoro, dalla Regione 3 milioni di euro per le microimprese che vogliono aprire in montagna

Noasca

/
CONDIVIDI

C’è tempo fino al 15 novembre per presentare le domande di contributo sul bando della Regione Piemonte per il mantenimento e lo sviluppo delle botteghe dei servizi nei paesi di montagna con meno di 5.000 abitanti.

Il bando è rivolto a microimprese singole, iscritte al Registro imprese della Camera di Commercio, e a cooperative di comunità, iscritte all’albo della Regione Piemonte, attive al momento della presentazione della domanda.

Il contributo massimo previsto per ogni singola domanda è di 50 mila euro, di cui 30 mila per investimenti e 20 mila per spese di gestione.

Il presidente Alberto Cirio e il vicepresidente ed assessore alla Montagna Fabio Carosso affermano che “il bando costituisce un ulteriore segnale di attenzione verso la montagna piemontese, dopo quelli sulla residenzialità che ha stanziato 10 milioni a favore di chi si trasferisce dalla città e sulle scuole ed il riparto 10,7 milioni destinati alle Unioni Montane. Si può così continuare a dare nuova linfa alle zone montane, per evitarne la desertificazione e valorizzarne i punti di forza non solo dal punto di vista ambientale, ma anche sociale ed economico”.

 CHE COSA SONO LE BOTTEGHE DEI SERVIZI 

Si tratta di esercizi commerciali di prossimità per la vendita al dettaglio di beni alimentari e di prima necessità, in cui si integrano attività di informazione per la cittadinanza: in sostanza veri e propri “terminali” per la Pubblica amministrazione sul territorio e nel contempo esercizi che svolgono altri servizi utili a migliorare la qualità di vita dei residenti.

Tra gli interventi ammissibili, che devono essere almeno quattro, figurano Internet point, fax e fotocopie, biglietteria del trasporto pubblico locale, noleggio di attrezzature a scopo escursionistico o sportivo, spazi per co-working, informazione turistica, sportello postale previa apposita convenzione con il gestore del servizio, ricariche telefoniche, ricezione e invio di pacchi e attività di e-commerce, dispensario farmaceutico, rilascio a distanza di certificati per conto di Pubbliche amministrazioni, bancomat, assistenza all’utilizzo di piattaforme telematiche in ambito sanitario, somministrazione di alimenti e bevande, vendita di generi non alimentari, giornali e riviste, generi di monopolio e di valori bollati, alimenti per categorie specifiche (celiaci e prima infanzia), prodotti tipici locali.

20/02/2024 

Cronaca

Ivrea: gli viene negato il lettore Mp3 e il detenuto, accecato dalla rabbia sradica la porta blindata della cella

Momenti di apprensione si sono vissuti nella mattinata di oggi, martedì 20 febbraio, al carcere di […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Cronaca

Montanaro, donna muore a causa dell’incendio della casa. Il sindaco Ponchia: “Non abbiamo mezzi adeguati”

“Venerdì mattina sono stato con l’ufficio tecnico in sopralluogo in frazione Pogliani di Montanaro (al confine […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Cronaca

Usseglio: si ricostruisce il ponte sul Rio Venaus lungo la “provinciale” 32. Costerà quasi 800 mila euro

Sono entrati nel vivo i lavori per la ricostruzione del ponte sul rio Venaus, lungo la […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Cronaca

Borgofranco d’Ivrea: furti nelle case. I residenti organizzano ronde notturne contro i ladri

Nelle tranquille comunità di Borgofranco d’Ivrea e Bajo Dora, la recente ondata di furti ha scosso […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Cronaca

Canavese: fiamme sul Mombarone. Imponente spiegamento di soccorsi per domare l’incendio

Le operazioni di spegnimento del vasto incendio boschivo che ha interessato il Mombarone, tra il Canavese […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Cronaca

Previsioni meteo: domani, mercoledì 21 febbraio, cieli nuvolosi e possibile pioggia anche in Canavese

Queste le previsioni meteo per domani, mercoledì 21 febbraio, elaborate dal Centro Meteo Italiano: AL NORD […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy