22/01/2024

Cronaca

Ivrea-Scarmagno, trovato in extremis l’accordo in Prefettura: l’autostrada Torino-Aosta non chiude

Scarmagno

/
CONDIVIDI

Ivrea-Scarmagno, trovato in extremis l’accordo in Prefettura: l’autostrada Torino-Aosta non chiude

Un incontro in extremis ha evitato la chiusura dell’autostrada A5 Torino-Aosta, prevista per oggi, lunedì 22 gennaio 2024. La riunione si è tenuta alle 9.30 in prefettura, alla presenza del Prefetto di Torino, dei rappresentanti di Ativa, del Ministero e degli enti locali interessati. Al termine del vertice, è stato raggiunto un accordo per mantenere aperto il tratto tra Ivrea e Scarmagno, pur non risolvendo definitivamente i problemi di gestione della A5 e della bretella Ivrea-Santhià.

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e l’assessore ai Trasporti Marco Gabusi hanno espresso soddisfazione per l’esito dell’incontro: “Abbiamo chiesto a gran voce e ottenuto che il vertice di questa mattina in Prefettura si chiudesse con una soluzione e questa soluzione è arrivata – hanno dichiarato – abbiamo chiesto che non si entrasse nel merito della vicenda amministrativa tra la società concessionaria e il ministero che verrà approfondita nelle sedi adeguate”.

L’autostrada Torino-Aosta resterà quindi aperta e gestita nella modalità attuale, senza ulteriori penalizzazioni per l’utenza: “Abbiamo difeso le ragioni dei nostri cittadini e del nostro sistema economico che non avrebbero compreso e non potevano accettare l’interruzione di un collegamento per una vertenza burocratica – ha aggiunto Cirio – ringrazio la Prefettura e la disponibilità di Ministero e di Ativa, che pur senza fare passi indietro rispetto alla vicenda complessiva, hanno compreso l’esigenza di non chiudere la tratta, con un provvedimento incomprensibile che avrebbe penalizzato cittadini e imprese”.

La Città metropolitana ha sostenuto la battaglia degli utenti e degli amministratori locali molto preoccupati per la situazione in atto. Il vicesindaco Jacopo Suppo ha commentato: “Ci siamo attivati per scongiurare una decisione che avrebbe fortemente penalizzato il territorio. Ativa e il Ministero si sono dimostrati sensibili alle nostre richieste e hanno trovato una soluzione temporanea in attesa di chiarire le questioni amministrative”.

04/03/2024 

Economia

Volpiano, fondi per pagare il mutuo della prima casa. Tutte le informazioni sul sito del Comune

Il Comune di Volpiano, in conformità a quanto stabilito dalla Regione Piemonte, mette a disposizione dei cittadini, aventi […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Cronaca

Dramma a Chivasso: 73enne si toglie la vita lanciandosi dal balcone al quarto piano della casa dove viveva

Una tragedia si è consumata nella mattina di ieri, domenica 3 marzo a Chivasso, dove un […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Cronaca

Chivasso: al via un contest fotografico e marcia antimafia in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

Saranno ricordate martedì 19 marzo a Chivasso le vittime innocenti delle mafie, in concomitanza con la […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Sanità

Cuorgnè: riprende, dopo la pandemia, l’attività della “Palestra della Memoria” per combattere l’Alzheimer

In risposta al Piano Regionale delle Cronicità 2018-2019 Regione Piemonte si avviava l’apertura del “Punto di […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Cronaca

Grave incidente sul lavoro a Ozegna. Operaio trasportato in eliambulanza all’ospedale di Ciriè

Un grave incidente sul lavoro si è verificato nella tarda mattinata di oggi, lunedì 4 marzo, […]

leggi tutto...

04/03/2024 

Cronaca

Previsioni meteo: dopo la tregua di oggi, da domani, martedì 5 marzo, ritornano pioggia e neve

Queste le previsioni del tempo per domani, martedì 5 marzo, elaborate dal Centro Meteo Italiano: AL […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy